FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Otto ragazzi su 10 stanno due mesi all'anno sui social, Davide Dal Maso: “Antidoto alla dipendenza da smartphone è l’educazione digitale”

Lʼallarme lanciato dal presidente dellʼOsservatorio scientifico della no profit "Social Warning-Movimento Etico Digitale". Al via la campagna #consapevolidigitali

smartphone telefonini chat ragazzi studenti bullismo studenti classe
Italy Photo Press

Otto ragazzi su 10 tra gli 11 e i 18 anni trascorrono due mesi all'anno sui social network, cioè quattro ore al giorno. Il 52% ha tentato di ridurre il tempo senza riuscirci. Il 33% definisce l'utilizzo che fa dello smartphone "eccessivo". Sono i dati che emergono dalla ricerca condotta dall'Osservatorio scientifico della no profit "Social Warning-Movimento Etico Digitale", in un periodo in cui la pandemia per il Covid-19 ha reso lo smartphone l'unico mezzo di comunicazione con il mondo esterno. "L'unico antidoto alla dipendenza da smartphone è l'educazione digitale anche in classe", spiega Davide Dal Maso, fondatore della no profit che ha lanciato la campagna di sensibilizzazione a livello nazionale sul tema della dipendenza da smartphone, #consapevolidigitali, per cui è partito il crowdfunding.

La campagna - L'associazione "Social Warning-Movimento Etico Digitale", in due anni di lavoro e con 150 formatori volontari, ha raggiunto oltre 35mila ragazzi e 13mila genitori, sensibilizzandoli su come approcciare la Rete.

Lanciato anche il crowdfunding per supportare la prima campagna di sensibilizzazione a livello nazionale sul tema della dipendenza da smartphone, #consapevolidigitali.

 

"L'obiettivo è raggiungere, - spiega il Social Media Coach Dal Maso, primo docente ad aver portato l’educazione civica digitale in classe, - 100 nuove scuole in tutta Italia con i nostri formatori volontari e promuovere l’uso consapevole e sereno di Internet da parte dei ragazzi, formando anche i loro genitori su tematiche legate ai Social Network, ai rischi come iperconnessione, fake news, cyberbullismo e revenge porn, ma anche e soprattutto sulle opportunità legate ai cosiddetti lavori del futuro”.

 

I numeri della dipendenza da smartphone - Secondo la ricerca dell'Osservatorio, dunque, i ragazzi sbloccano lo smartphone in media 120 volte al giorno e lo usano, oltre che per essere connessi ai loro coetanei tramite i social anche per vedere film o ascoltare musica fino a tarda notte. E guai ad interferire: un ragazzo su due dichiara che gli capita di scattare, rispondere male o alzare la voce se disturbato.

 

Il 40% degli intervistati dichiara di perdere ore di sonno perché rimane connesso anche di notte tramite smartphone, console o pc.

 

Le storie dei protagonisti - Sono state poi raccolte storie, come quella di Andrea, 14 anni, che si addormenta con i suoi youtuber preferiti e lo smartphone non lo spegne mai; o di Giorgia, 16 anni, che non si accorge di quanto tempo passa online e fatica a distinguere tra quando è connessa e quando non lo è. 

 

La via d'uscita - Per curare la dipendenza digitale, spiega Dal Maso, le soluzioni sono fondamentalmente due: sviluppare consapevolezza su questa tematica tra giovani e adulti e promuovere un ponte tra loro attraverso progetti di educazione digitale che permettano spunti di riflessioni e azioni pratiche nelle famiglie, come tenere d'occhio il tempo di utilizzo degli smartphone e stabilire in casa delle 'no smartphone zones'.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali