FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Google rivoluziona il motore di ricerca con l'Ia: via i link esterni ma mette a rischio business pubblicità

La risposta alle ricerche sarà un "riassunto" di tutto quello che si trova sul Web. Editori sul piede di guerra: si va verso cause legali?

Google rivoluziona il motore di ricerca con l'Ia: via i link esterni ma mette a rischio business pubblicità - foto 1
Afp

L'intelligenza artificiale è stata l protagonista assoluta dell'ultimo Google I/O avvenuto il 14 maggio, momento in cui l'azienda ha presentato i nuovi prodotti.

E chi si aspettava grossi colpi non è rimasto deluso. A far la parte del leone è stato l'annuncio del nuovo motore di ricerca che rivoluziona il modo in cui gli utenti troveranno ciò che cercano. Si tratta di un cambiamento che promette di accelerare la ricerca di informazioni e allo stesso tempo di interrompere potenzialmente il flusso del traffico Internet verso i siti esterni.

Google rivoluziona il motore di ricerca con l'Ia: via i link esterni ma mette a rischio business pubblicità - foto 2
Tgcom24

Il restyling annunciato martedì alla conferenza annuale degli sviluppatori di Google inizierà questa settimana negli Stati Uniti, mentre ancora non si sa quando verrà diffuso in tutto il mondo. Il motore di riceca di Google spesso favorirà le risposte elaborate dall'intelligenza artificiale rispetto ai collegamenti ai siti Web, un cambiamento che promette di accelerare la ricerca di informazioni e allo stesso tempo di interrompere potenzialmente il flusso di guadagno degli editori e dei blogger.

 

Il restyling annunciato alla conferenza annuale degli sviluppatori di Google inizierà questa settimana negli Stati Uniti, quando centinaia di milioni di persone inizieranno a vedere periodicamente i riassunti delle conversazioni generati dalla tecnologia AI dell'azienda nella parte superiore della pagina dei risultati del motore di ricerca. Le panoramiche dell'intelligenza artificiale dovrebbero emergere solo quando la tecnologia di Google determina che sarà il modo più rapido ed efficace per soddisfare la curiosità di un utente, una soluzione che è più probabile che si verifichi con argomenti complessi o quando le persone stanno facendo brainstorming o pianificando. Probabilmente le persone continueranno a vedere i tradizionali collegamenti ai siti Web di Google e gli annunci per ricerche semplici di cose come consigli di un negozio o previsioni del tempo.

 

Oltre a infondere più intelligenza artificiale nel suo motore di ricerca dominante, Google ha anche utilizzato la conferenza tenutasi nell’anfiteatro di Mountain View, in California, per mostrare i progressi in una tecnologia che sta rimodellando il business e la società. I successivi passi dell'intelligenza artificiale includevano analisi più sofisticate fornite da Gemini - una tecnologia svelata cinque mesi fa - e assistenti o "agenti" più intelligenti, inclusa una versione ancora nascente denominata "Astra" che sarà in grado di comprendere, spiegare e ricordare le cose che vengono visualizzate con l'obiettivo della fotocamera di uno smartphone. 

 

Ia nella ricerca, i rischi

 L'iniezione di più intelligenza artificiale nel motore di ricerca di Google segna uno dei cambiamenti più drammatici che l'azienda ha apportato alla sua fondazione sin dalla sua nascita alla fine degli anni '90. È una mossa che apre le porte a una maggiore crescita e innovazione, ma minaccia anche di innescare un cambiamento epocale nelle abitudini di navigazione sul web. "Questo approccio audace e responsabile è fondamentale per portare avanti la nostra missione e rendere l'intelligenza artificiale più utile per tutti", ha detto il CEO di Google Sundar Pichai a un gruppo di giornalisti.

 

Anche i conti di Google potrebbero risentirne

 Ma anche Google rischia di avere danni economici se i risultati offerti dall’intelligenza artificiale indeboliscono gli annunci legati al suo motore di ricerca, un business che ha registrato entrate per 175 miliardi di dollari solo lo scorso anno. E gli editori di siti web - dai principali media agli imprenditori e alle startup che si concentrano su argomenti più ristretti - saranno danneggiati se le panoramiche dell’intelligenza artificiale sono così informative da comportare meno clic sui collegamenti ai siti web che appariranno comunque più in basso nella pagina dei risultati.

 

Miliardi di dollari di pubblicità in fumo?

 Sulla base delle abitudini emerse durante la fase di test delle panoramiche AI di Google lo scorso anno, circa il 25% del traffico potrebbe essere influenzato negativamente dalla de-enfasi sui collegamenti ai siti Web, ha affermato Marc McCollum, responsabile dell'innovazione presso Raptive, che aiuta circa 5.000 siti Web gli editori guadagnano dai loro contenuti. Un calo del traffico di tale portata potrebbe tradursi in miliardi di dollari in mancate entrate pubblicitarie, un colpo devastante che verrebbe inferto da una forma di tecnologia AI che seleziona informazioni raccolte da molti dei siti web che rischiano di perdere entrate.

 

I problemi di copyright dell'Ia

 Il crescente utilizzo della tecnologia AI per riassumere le informazioni nei chatbot come Gemini di Google e ChatGPT di OpenAI negli ultimi 18 mesi ha già sollevato questioni legali sul fatto che le società dietro i servizi stiano illegalmente attingendo a materiale protetto da copyright per far avanzare i loro servizi. È un'accusa al centro di una causa di alto profilo che il New York Times ha intentato alla fine dello scorso anno contro OpenAI e il suo più grande sostenitore, Microsoft.

 

Google rischia cause legali

 Anche le panoramiche dell'intelligenza artificiale di Google potrebbero provocare azioni legali, soprattutto se sottraggono traffico e vendite di annunci da siti Web che ritengono che l'azienda tragga profitto ingiustamente dai loro contenuti. Ma è un rischio che l'azienda ha dovuto correre man mano che la tecnologia avanza e viene utilizzata in servizi concorrenti come ChatGPT e motori di ricerca emergenti come Perplexity, ha affermato Jim Yu, presidente esecutivo di BrightEdge, che aiuta i siti Web a posizionarsi più in alto nei risultati di ricerca di Google.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali