FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Facebook ha conservato le password di centinaia di milioni di utenti senza criptarle

Il problema è stato risolto. Le chiavi dʼaccesso non sono state comunque visibili a nessuno allʼesterno della società

Facebook ha conservato le password di centinaia di milioni di utenti senza criptarle

Le password Facebook di centinaia di milioni di utenti non sono state mascherate adeguatamente, rimanendo così accessibili e visibili allo staff del social network. Lo afferma la società stessa, assicurando che ora il problema è stato risolto. Il social di Mark Zuckeberg ha rinvenuto le password in formato leggibile a gennaio durante una revisione della sicurezza. Le password non sono state comunque visibili a nessuno all'esterno di Facebook.

L’errore dovrebbe aver riguardato tra 200 e 600 milioni di utenti. Gli interessati riceveranno una comunicazione.

Ad ogni modo, anche se le password non sono state visibili a nessuno all'esterno della società e pur non essendo stati individuati abusi di alcun tipo, il social di Mark Zuckeberg ha voluto dare alcuni consigli agli utenti, tra cui cambiare le proprie password di Instagram e Facebook (ed evitare di riutilizzare quelle precedenti per altri servizi) e scegliere chiavi d’accesso complesse per tutti i propri account.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali