FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Facebook dichiara guerra alle bufale: lanciato un piano contro le "fake news"

Gli utenti potranno segnalare in modo più semplice i falsi articoli

Facebook dichiara guerra alle bufale: lanciato un piano contro le "fake news"

Dopo le polemiche per le "fake news" che hanno segnato la campagna elettorale Usa e indotto un uomo ad entrare armato in una pizzeria indicata online come teatro di un traffico sessuale minorile, Facebook ha deciso di dichiarare guerra alla notizie false diffuse sul web. Il social network individuerà le potenziali "fake news" tramite le segnalazioni dei lettori e attraverso un suo software, poi chiederà a un consorzio di giornalisti di verificarle.

La società renderà più facile per gli utenti segnalare articoli falsi sul proprio news feed e che collaborerà con organizzazioni come il sito di fact-checking Snopes, ma anche con Abc News e Associated Press, per verificare l'autenticità delle storie. Secondo quanto spiega Facebook, nel momento in cui le organizzazioni identificheranno una notizia come falsa, questa verrà indicata come 'disputed', cioè 'contestata', e sarà reso disponibile un link a un articolo che spiega il perché. Le storie 'contestate' potrebbero comparire più in basso nel news feed.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali