FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Tgtech >
  • "Mars One", c'è anche uno studente italiano tra i cento colonizzatori di Marte

"Mars One", c'è anche uno studente italiano tra i cento colonizzatori di Marte

Il 25enne è stato selezionato per continuare il progetto internazionale che si pone l'obiettivo di stabilire un insediamento umano permanente sul Pianeta Rosso

- C'è anche un ragazzo italiano, Pietro Aliprandi, tra le cento persone di tutto il mondo selezionate per far parte della squadra che vuole colonizzare Marte entro il 2025. Il progetto "Mars One", promosso da alcuni ricercatori olandesi, intende stabilire un insediamento umano permanente sul Pianeta Rosso. Per i partecipanti, astronauti non professionisti che hanno presentato la loro candidatura e da mesi stanno attraversando un lungo processo di selezione, c'è in palio un biglietto di sola andata per lo Spazio.

    In corsa ora sono rimasti in cento, che dovranno affrontare nuovi test e un lungo processo di formazione. Cinquanta uomini e altrettante donne, provenienti da tutti i continenti, pronti ad affrontare la fase due del progetto. Tra i 31 europei resta in gioco anche un 25enne italiano, Pietro Aliprandi, studente di medicina a Trieste. "Ho sempre sognato di visitare la luna, i pianeti e le stelle - scrive sulla sua presentazione -. Ispirato dai più famosi film di fantascienza, sin da piccolo ho scritto brevi racconti su viaggi nello Spazio, sognando sempre di essere uno dei protagonisti".

    I dubbi del mondo scientifico - La strada, tuttavia, è ancora lunga. Il progetto, lanciato nel 2012 dall'imprenditore olandese Bas Lansdorp e tuttora alla ricerca di fondi, prevede che la prima colonia umana a sbarcare su Marte nel 2025 sia composta da solo quattro persone. E in molti già storcono il naso, soprattutto dopo la bocciatura del progetto da parte degli esperti del Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston, che denunciano gravi errori di calcolo. La loro simulazione, presentata al congresso astronautico internazionale di Toronto, parla chiaro: i coloni potrebbero morire per asfissia dopo appena 68 giorni.

    TAG:
    Mars one
    Marte
    Pianeta rosso
    Pietro aliprandi