FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Più fiduciosi e ambientalisti, gli italiani riscoprono la voglia di futuro

Secondo il "Rapporto Coop 2021" 9 italiani su 10 sono orgogliosi di esserlo e le ricerche on line associate alla parola Italia sono cresciute a luglio 2021 di un +211%

Alla crisi peggiore dal Dopoguerra segue la ripresa migliore di sempre e trovano terreno fertile nuove tendenze e una prepotente voglia di futuro. Complice la ripartenza dell'economia, ma anche i successi musicali e sportivi, il made in Italy è sempre più forte: le ricerche sul web legate al nostro Paese sono schizzate di oltre 200 punti percentuali e l'86% degli italiani si dice oggi orgoglioso del proprio passaporto. È quanto emerge dall’anteprima digitale del “Rapporto Coop 2021 - Economia, consumi e stili di vita degli italiani di oggi e di domani", parte integrante di italiani.coop.

Un nuovo sguardo sul futuro - La percezione del futuro è molto migliorata, con il 69% di ottimisti sulla popolazione nazionale e 36 milioni di italiani che a breve vogliono cambiare il proprio sistema di valori. Secondo il rapporto, per quasi 7 italiani su 10, il nuovo mood del post pandemia e' "io penso positivo", soprattutto per la maggiore consapevolezza rispetto alle "cose importanti della vita" (45% degli intervistati). Inoltre, per il 41% degli intervistati (rispetto al 19% di quattro anni fa), torna la fiducia nel prossimo, a partire dalla famiglia e dagli affetti più stretti.
 

Le criticità - Non mancano però le ombre: si moltiplicano infatti i nuovi disagi sociali con 27 milioni di italiani (45% del totale) che nel 2021 sono stati costretti a fare rinunce e 18 milioni (29% del totale) che temono un prolungamento dei problemi e 5 milioni coloro che temono il protrarsi di sacrifici, anche in ambito alimentare. Restano poi le ferite fisiche e mentali della pandemia, l’inquietudine da long Covid ha generato ansia, insonnia, depressione e disturbi alimentari: si stima in 10 miliardi il costo totale solo per il trattamento delle sindromi depressive generate dalla pandemia. 

 

Il contributo fondamentale alla ripresa arriva da export e investimenti, mentre i consumi restano per il momento ancora deboli nell'immediato e si sposta in avanti la voglia di cambiare auto, rinnovare casa o fare viaggi. Secondo la maggioranza degli esperti, l’Italia raggiungerà i livelli pre Covid solo nel 2023 (lo afferma il 43% degli executive ) e  infatti nel 2022 il 28% degli italiani prevede di avere un livello di spesa ancora inferiore rispetto al 2019: sono soprattutto cassaintegrati, giovani e donne. 

 

D’altronde in quell’auspicato rimbalzo in avanti del nostro Paese, a rimanere al palo è proprio l’occupazione (è troppo lenta la sua crescita, nel primo semestre 2021 fa segnare un +1,8%) e anche se le previsioni sono migliorative bisognerà vedere che lavoro sarà: secondo il campione il rischio è che a crescere saranno soprattutto la sottoccupazione (59%), il lavoro in nero (50%), i gap generazionali (51%). 

 

“Il PNRR è una grande occasione – sottolinea Marco Pedroni Presidente di Coop Italia e di Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori) –  che un buon indirizzo di queste risorse può generare, a partire dal sostegno della domanda dei redditi più bassi. Si profila infatti una situazione in cui la domanda interna resta bassa, mentre si rischia di far pagare al consumatore i forti aumenti delle materie prime e dell’energia. L’inflazione da costi esterni può avere effetti depressivi importanti sulla congiuntura economica. C’è bisogno, come anche il Rapporto Coop mostra, di dirottare risorse e politiche più incisive a favore dei consumi agendo per esempio sulla defiscalizzazione di prodotti sostenibili e c’è bisogno di una legislazione di scopo per la riconversione dei centri commerciali”. 

 

 

Nuovi valori e nuove abitudini - Nel rinnovato clima di benevolenza vengono assorbite con più elasticità anche le differenze. Così gli italiani si definiscono pro eutanasia e aborto, accoglienti con i rifugiati e tra i più LGBT+ friendly del continente. E pur posizionandosi tra gli ultimi Paesi in Europa quanto a parità di genere, il 42% degli italiani mostra consapevolezza di questo triste primato.

 

Divisi tra lavoro in ufficio e da remoto,  gli intervistati si dicono fiduciosi nella scienza, pronti a cambiare le proprie abitudini pur di aiutare il Pianeta e amanti dei piccoli borghi: dopo il lockdown sono 4 milioni le famiglie che vorrebbero vivere in un borgo o piccolo centro abitato.

 

A tavola - Gli investimenti in cibi e bevande di prossima generazione ammontano a 6,2 miliardi e tra le new entry sulle tavole degli italiani da qui a 10 anni ci sono cibi a base vegetale con il sapore di carne, cibi a base di alghe, farina di insetti e anche la carne coltivata in vitro. Nell'epoca del post pandemia, un italiano su due ha cambiato le proprie consuetudini alimentari, chi indulgendo nel conforto alimentare (sono il 23% gli italiani che hanno preso peso) e chi approfittandone per una dieta più equilibrata e salutare (15% gli italiani che hanno perso peso in media). Se solo il 18% degli italiani non si riconosce in alcuna cultura alimentare e il 24% fa riferimento solo alla dieta mediterranea, oltre la metà degli italiani si riconosce anche o esclusivamente in altre identità alimentari (bio, veg&veg, gourmet, iperproteici e low carbs). 

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali