FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Con la Fase 2 cresce lo smaltimento speciale di mascherine e guanti

In Italia gli impianti dedicati in via esclusiva allo smaltimento dei rifiuti sanitari, pericolosi e non pericolosi, agiscono tramite termodistruzione ovvero tramite sterilizzazione

A causa di Covid-19, le aziende che sono già attive e quelle che a breve lo saranno nuovamente, dovranno garantire la massima sicurezza utilizzando, nei propri ambienti di lavoro, mascherine e guanti protettivi. La riapertura causerà un decisivo aumento di DPI che devono essere smaltiti a norma di legge, ovvero seguendo la filiera di smaltimento dei rifiuti speciali: vengono raccolti attraverso appositi contenitori omologati ADR, successivamente vengono raccolti da operatori appositamente formati e portati in impianti dedicati e autorizzati a smaltire questo genere di rifiuti. I dati sulla situazione arrivano dal Gruppo EcoEridania, primo operatore europeo per lo smaltimento di questi articoli, con impianti di stoccaggio, termovalorizzatori e depuratori di proprietà o gestiti direttamente.

Il rischio in questi giorni, causato dall’importante aumento di materiali speciali, è quindi duplice: non solo di inquinamento, dato dall’abbandono per strada di guanti e mascherine, ma - ben più importante e grave infettivo se non verranno prese le corrette precauzioni. “Utilizzare questo livello di precauzioni, consente alle aziende di poter assolvere con la massima attenzione a quanto stabilito dalla normativa in merito allo smaltimento di rifiuti” – afferma il Presidente del Gruppo EcoEridania Andrea Giustini.

 

I rifiuti speciali si dividono in rifiuti “speciali pericolosi” e rifiuti “speciali non pericolosi”,  nella fattispecie per il rifiuto Covid-19  l’ISS indica che  la situazione ideale sarebbe riferirsi al DPR 254/2003 “Regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell’articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179” che nell’art. 2 comma 1, (punto d) “rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo”….(lettera 2a). Alla data odierna, in Italia, gli impianti dedicati in via esclusiva allo smaltimento dei rifiuti sanitari, pericolosi e non pericolosi, agiscono tramite termodistruzione ovvero tramite sterilizzazione - uniche due modalità di smaltimento previste dal Regolamento, per una capacità di conferimento complessiva che, a fronte di una produzione ordinaria di detti rifiuti pari complessivamente a circa 150mila tonnellate/anno, è pari a 350mila tonnellate/anno, più che doppia pertanto rispetto al fabbisogno. Per quanto riguarda la situazione contingente, la produzione di rifiuti sanitari è prima sensibilmente diminuita, per poi stabilizzarsi su un più 4% nazionale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali