FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

È boom di negozi online su eBay Italia: dalla moda alle ferramenta di quartiere, sono 3mila i nuovi store

Per i clienti l'opportunità di acquistare sul web presso i propri rivenditori di fiducia, supportando così il tessuto economico locale

ebay sede quartier generale logo

Se il negozio è chiuso, si sposta sul web e incontra lì la propria clientela. Sono 3mila i nuovi negozi (+40%) nati online per far fronte alla situazione di quarantena dovuta al coronavirus. È questo il segnale più significativo che emerge dai dati di marzo della piattaforma eBay, leader internazionale dell’eCommerce, relativi ai nuovi store online aperti in Italia in reazione al lockdown. Una moltitudine di piccole e media imprese che non si arrende e cerca nuovi canali di vendita per raggiungere i propri clienti di sempre. Per i consumatori, la possibilità concreta per la prima volta di effettuare acquisti presso i rivenditori di fiducia direttamente da casa, contribuendo con il proprio acquisto a supportare il tessuto economico locale.  

Fra le città con il maggior numero di nuovi shop, al primo posto spiccano Milano e Roma, che precedono Napoli e Torino, a conferma di un trend che sta investendo tutto il paese, da nord a sud. Le tipologie di shop locali che aprono sono le più varie: dai negozi di abbigliamento ed elettronica (circa 1 negozio su 3 appartiene a questa categoria), fino ai pet shop, dai negozi di oggetti di arredamento fino alle ferramenta di quartiere. Segno che la spinta verso l’online è dettata tanto dalla situazione contingente che dall’emergere nei consumatori di nuove istanze di acquisto.  

 

Sono moltissimi, infatti, gli italiani che stanno acquistando online per la prima volta e che, dunque, in modo naturale tendono a privilegiare, anche sul digitale, i negozi con i quali hanno già una relazione di fiducia offline. Per queste persone avere accesso digitale al negoziante di fiducia rappresenta un valore aggiunto fondamentale, che dà sicurezza al momento dell’acquisto e rinsalda il legame di comunità. A oggi, eBay garantisce l’accesso a oltre 35mila negozi online presenti in Italia.

 

Inoltre, si diffonde la consapevolezza che oggi, anche e soprattutto online, una scelta di acquisto più consapevole possa contribuire in modo importante a supportare un negozio in difficoltà o a far ripartire una bottega artigiana, dunque quel tessuto economico di piccole e media imprese su cui si basa in gran parte l’economia dei territori in Italia. 

 

“Grazie alla peculiare formula del nostro marketplace che mette in contatto diretto gli acquirenti con i migliori venditori, eBay rappresenta oggi una scelta di acquisto in grado di agevolare l’acquisto consapevole e di supportare le Pmi e l’economia locale in modo diretto”, commenta Sara Cendaroni, Head of Trading & Sales di eBay Italia. “L’azienda in queste settimane ha ribadito il proprio impegno a sostegno di tutta la sua community di acquirenti e veditori italiani. Stiamo garantendo ai nuovi venditori la possibilità di aprire uno shop per 12 mesi in modo completamente gratuito e incentivando gli acquisti con la campagna #StiamoACasa, che prevede codici coupon da 5€ (PERVOI5EURO), utilizzabili su una selezione di prodotti creata a partire dai più richiesti in queste settimane”.

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali