FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Marco Rossini : "La sicurezza sul lavoro oggi va di pari passo al confort, alla tecnologia e alla bellezza"

Marco Rossini, presidente e amministratore delegato di Rossini, racconta a TgcomLab come lavora e quali sono le sfide del futuro per il settore dell'antinfortunistica

Lavorare in sicurezza. È quello che permette di fare a tante realtà italiane ed europee Rossini, azienda bergamasca attiva da oltre cinquant’anni. Fondata nel 1969, si è specializzata nella produzione di abbigliamento da lavoro, Dpi e specifico per il mondo HoReCa, e offre soluzioni di antinfortunistica anche per le condizioni più estreme. Con oltre 12mila referenze, una linea produttiva all'avanguardia e un Sistema di Gestione della qualità certificato, i quattro brand Rossini, Rossini Tech, Rossini Desigm e Angiolina by Rossini rispondono alle diverse richieste in fatto di abiti da lavoro e dispositivi di protezione. In un momento in cui l'attenzione a questi tempi è senz'altro più altra in seguito alla pandemia. Marco Rossini, presidente e amministratore delegato di Rossini, racconta a TgcomLab come lavora e quali sono le sfide del futuro per il suo settore.

Come è arrivato a ricoprire l'incarico attuale?
Sono entrato in azienda dopo gli studi di carattere economico, occupandomi inizialmente della gestione amministrativa e finanziaria per poi con il tempo ampliare l’area di interesse al commerciale, alla logistica/IT e agli acquisti. Dal 1998 con la scomparsa di mio padre ho assunto la piena responsabilità di Rossini, attualmente sono presidente e ceo.


Qual è l'elemento di forza della sua azienda?
Rossini ha una solida reputazione costruita in 52 anni di proficua attività, grazie a un’offerta di prodotti di qualità, all’avanguardia nel settore della sicurezza, proposti a un prezzo competitivo e a un efficiente servizio che permette un’evasione degli ordini in otto ore lavorative.


Quale consiglio dà a chi vuole intraprendere una carriera nel suo settore?
Parliamo di un settore dinamico ed estremamente competitivo, negli ultimi anni, infatti, è cambiato l’approccio: il lavoratore vuole prodotti oltreché sicuri anche belli da vedere e soprattutto confortevoli, realizzati con soluzioni tecniche simili al mondo dello sport. Avvicinarsi a questo settore significa impegnarsi a fondo e studiare i prodotti, il mercato e le logiche del cliente, solo in questo modo si possono avere soddisfazione e un reale ritorno economico. Come dico sempre, ma vale in ogni settore, bisogna “usare la testa”, cogliere le opportunità e acquisire le conoscenze che poi faranno parte della propria “cassetta degli attrezzi”.

 

Come è stato toccato il suo settore dall’emergenza covid?
L’anno del covid è stato molto difficile, a causa del lockdown è calato il mercato dei prodotti tradizionali, mentre i prodotti dedicati alla prevenzione del virus come le mascherine e le tute monouso erano introvabili così, abbiamo iniziato a produrle, con il risultato di aver salvato l’anno con una  flessione solo del 3% grazie anche a un secondo semestre forte.


Come si tiene aggiornato?
Amo le letture economiche e leggo due quotidiani ogni giorno, mi piace sentire il mercato, parlando con le persone e i colleghi imprenditori, capire le tendenze, mi aiuta a elaborare strategie per Rossini.

 

Quanti anni ha e come trascorre il suo tempo libero?
Sono nato proprio nel 1969, anno in cui mio padre ha fondato la Rossini, quindi ho 52 anni, ho 3 figli e mi piace passare il tempo con loro, fare sport come la bicicletta, lo sci e le ciaspole, il tennis e pilates per rafforzare la schiena, adoro il mare, ma anche la montagna.

 

Qual è un aneddoto che le sta particolarmente a cuore?
Non ho in mente un caso specifico, ma ritengo che l’errore sia funzionale alla crescita personale a patto di gestirne le conseguenze senza che si arrivi all’irreparabile, il rischio di accontentarsi del successo raggiunto, al contrario, è quello di “sedersi sugli allori” e non cogliere nuove sfide e opportunità che invece sono la base dell’essere imprenditore. In ogni situazione negativa ci possono essere delle opportunità che possono cambiare radicalmente il nostro futuro, bisogna avere la lucidità e il sangue freddo per vederle, noi nell’era covid abbiamo fatto la nostra prima acquisizione strategica (Giblor’s).

 

Quali sono i progetti futuri dell'azienda?
Usiamo spesso la metafora della griglia, abbiamo tanta carne al fuoco e vorremmo aggiungerne tanta altra, ma il rischio è che qualche pezzo si bruci e quindi bisogna concentrarsi su quello che è più importante, nel nostro caso direi continuo aggiornamento dei prodotti, comprese le scarpe, sviluppo del mercato estero, sviluppo di ulteriori prodotti con Giblor’s, ulteriore spinta negli investimenti di comunicazione e potenziamento della produzione. Il 6 dicembre sarà una data molto importante per la nostra azienda in cui andremo a celebrare il centenario della nascita del fondatore Emilio Rossini e durante la quale lanceremo una collaborazione speciale con l’artista internazionale Michael Raivard che prenderà il via il 18 gennaio 2022.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali