FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dial - Quelli della Pizza, le basi della pizza conquistano il mondo grazie all'online

Gianluigi Furlan, Michele e Marcello Rosa raccontano lʼintuizione di produrre in Italia le basi artigianali per pizza e di venderle anche attraverso i canali digitali fino nel mercato statunitense

Una pizza stesa e leggermente precotta, frutto di una lunga maturazione con lievito madre e di una lavorazione a mano, con la possibilità di essere conservata in frigo fino a 30-45 giorni, pronta da guarnire e cotta direttamente nel forno di casa in pochi minuti. È questa l'intuizione che l'azienda Dial - Quelli della Pizza ha saputo sviluppare prima nel settore della ristorazione professionale e poi per l'utenza domestica. Dal 2009 ricerca e sviluppo sono al servizio della realizzazione delle migliori basi pizza artigianali. A raccontare a TgcomLab questa realtà affermata ormai a livello internazionale sono Gianluigi Furlan (Direttore commerciale), Michele Rosa (Responsabile export e digital),
Marcello Rosa, Responsabile dell'amministrazione.

Come siete arrivati a ricoprire gli incarichi attuali?
Gianluigi Furlan: ho sempre lavorato nel campo della ristorazione, prima come distributore di birra e bevande e successivamente come proprietario di vari ristoranti e locali. Attualmente mi occupo della direzione commerciale e strategie di vendita.
Marcello Rosa: vengo dal campo della ristorazione come proprietario di svariati anni di un bar. In Quelli della Pizza mi occupo dell’amministrazione e della gestione finanziaria.
Michele Rosa: il mio background è nel mondo nell’informatica e in particolare nel web design e gestione progetti software. Mi occupo di gestire l’area digital dell’azienda (e-commerce, app mobile, social ecc.)

 

Qual è l'elemento di forza della società?
Sono in realtà due: il focus sui prodotti e l’innovazione digitale. Siamo ossessionati dalla qualità che devono avere i nostri prodotti e investiamo molto in ricerca e sviluppo. Questo ci permette di avere svariate tipologie di impasti artigianali che rispondono alle richieste del mercato che è sempre in evoluzione e molto esigente. Crediamo molto nella tecnologia per offrire un servizio efficiente, snello e innovativo per i nostri clienti. Siamo partiti nel 2014 col nostro primo e-commerce per l’Italia e attualmente abbiamo cinque store online per il B2B (Italia, Francia, Germania/Austria, Spagna e area Benelux), un app mobile per iOS e Android per tutti gli store B2B e uno store online per il mercato di casa B2C. Siamo sempre in evoluzione e ci teniamo sempre aggiornati per capire come adattare nuove tecnologie per migliorare il servizio ai nostri clienti.
 

Quale consiglio date a chi vuole intraprendere una carriera nel vostro settore?
È un mercato estremamente competitivo dove emerge chi sa portare qualità, innovazione tecnologica e una struttura aziendale snella. Fondamentale quindi demandare all’esterno più processi aziendali possibili (ad esempio le consegne), adeguarsi dal punto di vista tecnologico e proporre prodotti che si distinguono dalla massa per tipologia e qualità.


Come è stato toccato il vostro settore dall’emergenza covid?
È inutile dire che è stato un vero disastro per chi come noi lavora con la ristorazione, con un calo drastico di fatturato mai visto e di proporzioni incredibili. Noi però abbiamo sfruttato il primo lockdown, dove ci siamo ritrovati il fatturato quasi a zero, per rimboccarci le maniche e aprire il nostro store per il mercato casalingo “Quelli della Pizza… a Casa Tua!” che ci sta dando molta soddisfazione e sta crescendo parecchio e molto velocemente.
 

Come vi tenete aggiornati?
I siti di settore e i social media permettono di tenerci aggiornati costantemente sulle novità in ambito ristorazione e in ambito tecnologico. Inoltre, prima dell’emergenza covid, partecipavamo annualmente come espositori a quasi 20 fiere di settore tra Europa e Stati Uniti. Questo ci permetteva di confrontarci con altre realtà, anche radicalmente diverse da noi, ma molto utili per prendere spunti e nuove idee.
 

Quanti anni avete e come trascorrete il vostro tempo libero?
Gianluigi
: ho 57 anni. Quando posso mtb e vela.
Marcello: ho 38 anni. Faccio qualche sport, guardo serie tv e film, ma avendo due bimbi piccoli dedico la maggior parte del mio tempo libero a loro.
Michele: ho 40 anni. Vado in palestra, leggo, guardo serie tv e film.

Ci raccontate un grande successo o un errore dal quale avete imparato qualcosa di importante per l'azienda?
La nostra più grande soddisfazione è essere riusciti a introdurre la nostra azienda nel mercato Usa. Siamo presenti infatti sul territorio statunitense con il marchio Pizza Fellas che sta riscuotendo un ottimo successo nel mercato della ristorazione americana. È partito tutto nel 2018 dove, quasi inconsciamente, abbiamo deciso di partecipare al National Restaurant Show di Chicago per trovare un distributore.
Molte persone ci dicevano che sarebbe stato impossibile e difficilissimo entrare nel mercato americano e invece, dopo un grande successo di visite nel nostro stand con feedback entusiasti, abbiamo stretto la collaborazione con un distributore di Boston che ha creduto subito nei nostri prodotti e da allora partono periodicamente container di nostre pizze dall’Italia per gli Usa. Ripensare al lontano 2009 quando cercavamo di vendere porta a porta le nostre pizze ai bar di zona e adesso veder partire container con 30mila pizze a bordo per gli Stati Uniti, ci ha fatto capire che con il duro lavoro e la forza di volontà, nulla è impossibile.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali