FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Una rosa per "Lady Oscar": l'eroina della rivoluzione francese compie 40 anni

Il 10 ottobre 1979 in Giappone andava in onda la prima puntata dellʼanime

La lotta di classe, la Storia, la libertà, l’amore non corrisposto, la morte e la disperazione. Tutto questo è stato "Lady Oscar", serie anime diventata tra le più amate di sempre, ispirata al fumetto di Ryoko Ikeda “Versailles no bara" (La Rosa di Versailles).  Era il 10 ottobre 1979 quando andò in onda la prima puntata sulla tv giapponese, mentre in Italia arrivò solo nel marzo 1982.

Il manga "Versailles no bara" (Le rose di Versailles) viene pubblicato in Giappone tra il 1972 e il 1973, ispirato a una biografia di Maria Antonietta scritta dall’austriaco Stefan Zweig, L’opera di Riyoko Ikeda si inserisce nei shojo manga (fumetto per ragazze), dipanandosi tra temi universali come amore, amicizia, conflitti tra classi sociali, ferocia della guerra, fedeltà agli ideali.

 

Le rose del titolo si riferiscono a cinque personaggi: Maria Antonietta è la rosa rossa, Madame de Polignac quella gialla, Rosalie un bocciolo di rosa, Jeanne la rosa nera e Oscar è la rosa bianca.
Oscar è particolare: è una donna allevata dal padre come se fosse un uomo, la cui creazione è ispirata a un personaggio storico realmente esistito che, però, non era affatto una donna ("Il buon padre voleva un maschietto/Ma ahimé sei nata tu/Nella culla ti ha messo un fioretto/Lady dal fiocco blu").

INSUCCESSO IN PATRIA, SUCCESSO IN ITALIA - La serie animata realizzata dalla giapponese Tokyo Movie Shinsha e andata in onda in Giappone nel 1979 fu un insuccesso. Addirittura la trasmissione fu interrotta in alcuni distretti, con la serie che fu sbrigativamente conclusa con un episodio riepilogativo (mai arrivato in Italia). Nel nostro Paese invece la serie riscosse presto una grande successo. Dopo lo sbarco su Italia 1 fu replicato all'interno della trasmissione "Bim Bum Bam", e successivamente su Canale 5, Rete 4 e altre reti: l'Italia è stata, tra le nazioni europee, quella che ha replicato l'anime con maggiore frequenza.


IL TITOLO ITALIANO - Il titolo italiano dell’anime, "Lady Oscar", deriva da quello del film uscito nel 1978 con la regia di Jacques Demy, adattamento del manga originale (Patsy Kensit interpretava Oscar da bambina).

 

Heidi, Remi, Goldrake & Co.: i cartoni giapponesi che hanno cambiato la tv

 

LA CENSURA - Quando arrivò in Italia, l'anime passò attraverso la censura dell'epoca. La famosa scena della lite tra Andrè e Oscar con lo strappo della camicetta è diventata, taglio dopo taglio, sempre più corta con il passare degli anni, Ma le modifiche al materiale originale è avvenuto soprattutto nei dialoghi. Le parti più “riviste” furono ovviamente quelle riguardanti l’identità sessuale di Oscar e la descrizione di personaggi scomodi (come le prostitute).


LE SIGLE - "Ohh Lady, Lady, Lady Oscar, tutti fanno festa quando passi tu" era il ritornello della prima mitica sigla ad opera dei Cavalieri del Re di Riccardo Zara. Un autentico successo che raggiunse il settimo posto della hit parade italiana. Esistono invece due versione della seconda sigla dell’anime in Italia, "Una spada per Lady Oscar", La prima venne cantata da Enzo Draghi (la voce da cantante di Mirko dei Bee Hive), la seconda da Cristina D’Avena. E a forza di repliche negli anni 90 con la sua voce è rimasta incastonata nei ricordi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali