FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sylvie Lubamba, da Chiambretti alla lavanda del Papa

La showgirl è detenuta nel carcere di Rebibbia a Roma per uso indebito di carte di credito di conoscenti facoltosi

Emozionatissima in jeans, gilet e camicia bianca, Sylvie Lubamba era tra i dodici detenuti ai quali Papa Francesco ha lavato i piedi nel carcere di Rebibbia. La showgirl di origine congolese, lanciata dal programma "Markette" di Piero Chiambretti e nota per la sua partecipazione al reality "La Talpa", è stata arrestata nel 2014 per l'esecuzione di un cumulo di pene. Il reato a suo carico, ripetuto, è di uso indebito di carte di credito di conoscenti.

Sylvie Lubamba, da Chiambretti alla lavanda del Papa

Sylvie ha iniziato come indossatrice ed è stata la prima concorrente di colore a Miss Italia ma venne squalificata per aver posato nuda in un servizio fotografico. Nel 1998 è entrata nel cast di "Guida al campionato" al fianco di Gene Gnocchi, ha fatto qualche film ma è diventata famosa nel 2004 come ospite di Piero Chiambretti a "Markette" e nel 2005 ha fatto parte del cast de "La Talpa". Sul fronte giudiziario è finita più volte in tribunale, anche con la madre e la sorella, per utilizzo abusivo di carte di credito, per conti a tre zeri non pagati o per uso fraudolento della carta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali