FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Serena Grandi: "Il mio ex compagno mi perseguita, vivo nella paura"

Lʼattrice racconta in esclusiva a Tgcom24 il dramma che sta vivendo

"La nostra storia è finita più di un anno fa, ma lui mi perseguita con telefonate e incursioni sotto casa, ho paura". Serena Grandi è scossa. A Tgcom24 racconta in esclusiva il dramma che sta vivendo. Lancia un grido d'allarme perché la "situazione è diventata insostenibile" e per aiutare anche le altre donne "che stanno vivendo il mio stesso dramma, purtroppo gli uomini spesso non accettano la separazione, ma perché?", continua in lacrime.

Serena Grandi, i 60 anni dellʼicona sexy del cinema italiano

Serena Grandi (all'anagrafe Serena Faggioli) compie 60 anni. Negli Anni 80 e 90 ha ammaliato il grande pubblico grazie alle sue forme da maggiorata, dopo essere stata lanciata da Tinto Brass che la sceglie come protagonista del film erotico "Miranda". La Grandi diventa una vera e propria icona sexy, anche per i ruoli che ha nei film seguenti come "La signora della notte", "L'iniziazione" e "Desiderando Giulia" in cui continua a interpretare il ruolo di donna provocante che si destreggia fra amori e tradimenti. Nel 1987 lavora con Dino Risi in "Teresa" e con Sergio Corbucci in "Roba da ricchi" e "Rimini Rimini", in cui viene affiancata da Paolo Villaggio. Proprio in quell'anno sposa l'arredatore Beppe Ercole, da cui si separa nel 1993 e da cui ha il figlio Edoardo. Nel 1990 recita anche accanto ad Alberto Sordi nel film "In nome del popolo sovrano". Dopo alcune apparizioni tra fiction e serie tv, nel 1998 lavora di nuovo con Tinto Brass in "Monella" e  con Luciano Ligabue in "Radiofreccia". Nel 2003 viene arrestata per una vicenda di droga, accusata di detenzione e spaccio di cocaina ma ne esce prosciolta dalla magistratura prima ancora dell'inizio del processo. Nel 2013 la Grandi è nel cast del film Premio Oscar "La grande bellezza", diretto da Paolo Sorrentino. Di recente è stata protagonista della seconda edizione del "Grande Fratello Vip", condotto da Ilary Blasi.

leggi tutto

Quello di Serena è un momento professionale d'oro. Sta per girare ben due film e dopo la partecipazione al "Grande Fratello Vip" ha ripreso a lavorare alla grande. L'attrice però non può dire lo stesso in amore. La storia con il compagno Luca Iacomoni è finita, tra vari tira e molla, quasi un anno fa. E sono cominciati i problemi.

Serena, cosa è successo?
Sono molto provata. Ho cercato di tenerlo a freno, ma non ci sono riuscita. Ho dovuto ricorrere a un legale, con tanto di denuncia dai carabinieri. Non parlo di violenza fisica, ma telefonate giorno e notte e messaggi e infinite mail. Ho tenuto tutto, le forze dell'ordine mi hanno detto che avevano bisogno di prove. Ora c'è un ordine di restrizione, con tanto di querela ed esposto.

 

Come siete arrivati a questo punto?
Mai avrei voluto. Da tempo le cose tra noi non funzionavano, sono una donna indipendente, una guerriera e mi sono resa conto che avevo al mio fianco un uomo senza gli attributi. La verità è che non accetta la fine di questa storia, e sono tanti gli uomini che non se ne fanno una ragione, ma perché? La mia è una battaglia anche per tutte le donne che stanno vivendo il mio stesso dramma, so cosa significa vivere nell'incubo, senza contare gli avvocati, i soldi...  

 

Quando sono cominciate le prime avvisaglie?
Durante la mia partecipazione al Grande Fratello Vip ho raccontato dell'omosessualità di mio figlio, anche allora lo feci per dire alle altre mamme di accettare i propri figli per come sono, senza buttarli fuori di casa. Da lì sono cominciate le ingiurie continue nei confronti di Edoardo. Per me, che da sempre difendo i diritti degli omosessuali, sono state peggiori di qualsiasi altra violenza. 

 

Ma non te ne eri accorta prima?
Sai la gente è brava a confondere e manipolare. Ecco mi sono sentita raggirata. Quel reality mi è servito a farmi guardare dentro. Mi ha fatto scoprire tante cose, mi ha fatto capire che era il momento di lasciare andare alcune cose della mia vita che non andavano più.

 

Perché hai paura?
Sono disperata e questo non fa bene al mio lavoro, non mi sento tranquilla. Lui non è un uomo violento, ma ho paura che possa scattare qualcosa di brutto. Non riesco neanche ad uscire sola, sono sicura di incontrarlo sotto casa, guardo tutte le macchine, sto attenta a chi c'è dentro. Ho dovuto cambiare numero di telefono perché era un inferno, avevo bloccato chiamate e messaggi ma mi arrivavano lo stesso telefonate con numeri privati. Mio figlio adesso andrà a lavorare a Milano e sarò sola, come farò? La situazione sta diventando pericolosa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE