FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morto Luke Perry, addio al Dylan di "Beverly Hills 90210"

Dopo giorni in ospedale, lʼattore, che ha fatto innamorare milioni di fan nel mondo, non ce lʼha fatta. Se nʼè andato circondato dallʼamore della famiglia

Luke Perry non ce l’ha fatta. L'interprete icona della televisione mondiale, arrivato alla fama col telefilm “Beverly Hills, 90210”, è morto in seguito al devastante ictus che lo ha colpito all’improvviso qualche giorno fa. L’attore si è spento al St. Joseph Hospital, a Los Angeles. Il Dylan di Beverly Hills era ricoverato da cinque giorni, i medici lo avevano sedato nella speranza di dare al suo cervello la possibilità di lottare e riprendersi dal violento colpo, ma il danno era evidentemente già troppo esteso.

Perry se n'è andato circondato dall'amore dei suoi figli, Jack e Sophie, della fidanzata Wendy Madison Bauer, dell'ex moglie Minnie Sharp, della madre, del fratello Tom, della sorella Amy e degli amici più cari.

Tra televisione e cinema - Dopo Beverly Hills, la popolarità dell'interprete di Dylan McKay è letteralmente esplosa. Tutto merito del suo personaggio bello e tenebroso che, negli anni Novanta, ha fatto innamorare milioni di ragazzine. Era una sorta di James Dean rivisitato, il duro dal cuore tenero, ribelle senza una causa, lacerato dall'amore per la mora Brenda Walsh, ma attratto dall'algida perfezione della bionda Kelly Logan. Girava a bordo di una motocicletta, indossava un giubbotto di pelle nera e si portava dietro quel misto di dolore per la separazione dei genitori e di voglia di trasgredire a ogni costo, fino a cadere nel vizio dell'alcol.

Gli ingredienti per il ruolo della vita c'erano tutti. In effetti, era Luke stesso a dire "Dylan sono io", quasi a omaggiare il personaggio che lo aveva fatto entrare nell'Olimpo delle star dello spettacolo.
Luke Perry ha ricoperto ruoli importanti anche in altre serie famose, come "Oz", "Body of proof" e "Riverdale". Proprio nel giorno del suo ricovero d'urgenza, dopo il malore nella sua abitazione a Sherman Oaks,era stato annunciato il sequel di “Beverly Hills” ma Luke non aveva firmato il contratto perché troppo impegnato in un altro progetto. Avrebbe garantito, però, la sua partecipazione eccezionale a qualche episodio.

Eʼ morto Luke Perry, il Dylan di Beverly Hills 90210

Nato a Mansfield, in Ohio, nel 1966, Perry si era trasferito a Los Angeles dopo il liceo per inseguire il sogno della recitazione. La sua carriera è iniziata ad appena 16 anni, in alcune soap opera, ma è il 1990 a segnare la svolta con "Beverly Hills". Ci rimane fino al 1995, poi, dopo una breve pausa per il grande schermo - durante la quale recita anche nei panni di se stesso in "Vacanze di Natale 95" di Neri Parenti - torna nei panni Dylan fino al 2000. E' la TV il suo habitat naturale e nel 2016 recita nella serie Riverdale. La star aveva ultimato le riprese del prossimo film di Quentin Tarantino, in uscita il 9 agosto, dedicato a Charles Manson e intitolato "C'era una volta a Hollywood".

Addio a Luke Perry, il cordoglio del compagno di set Ian Ziering: "Dio riservagli un posto, se lo merita"

Un commovente post su Instagram e su Twitter per dire addio al compagno di set e amico di sempre. Ian Ziering, lo Steve Sanders di "Beverly Hills 90210", ha deciso così di piangere la scomparsa di Luke Perry. "Caro Luke, terrò sempre nel cuore i bei ricordi che abbiamo condiviso negli ultimi trent'anni. Possa il tuo viaggio essere arricchito dalle magnifiche anime di quelli che ti hanno preceduto, proprio come hai fatto qui per quelli che hai lasciato. Dio, per favore, dagli un posto vicino a te, se lo merita", scrive Ziering, pubblicando una foto recente con Perry.

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali