FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Non Mentire", il regista Tavarelli: "Senza buoni e cattivi metto in crisi il pubblico"

Al via il 17 febbraio, in prima serata su Canale 5, la fiction con Alessandro Preziosi e Greta Scarano

"Non Mentire", il regista Tavarelli: "Senza buoni e cattivi metto in crisi il pubblico"

Un uomo, una donna e due versioni totalmente differenti su un presunto stupro. "Non mentire", in onda dal 17 febbraio su Canale 5, è un thriller in cui verità e menzogna si confondono e accavallano. "Non ci sono il cattivo o il buono, ci sono due personaggi complessi che si trovano in una situazione poco chiara. Il tema della violenza è trattato con i meccanismi del thriller" ha spiegato il regista Gianluca Maria Tavarelli al portale "Link - Idee per la tv".

"Non mentire" è il remake del britannico "Liar", da cui riprende la costruzione narrativa. "Il format è interessante per questo, mette in crisi lo spettatore che è costretto a capire chi mente. All'inizio ti interessa sapere chi dei due dica la verità, ma con il passare del tempo ti interessa di loro due, del loro passato e delle loro ombre".

Una storia sempre in bilico, dove la parte più importante è affidata ai due protagonisti Andrea (Alessandro Preziosi) e Laura (Greta Scarano): "Il rischio era che diventassero subito uno la vittima e l'altro il carnefice. Sono due come noi, travolti da cose quotidiane e con deviazioni pericolose. La regia era al servizio degli attori: la macchina si muoveva in funzione loro. Non è un caso che le scene più forti dal punto di vista recitativo sono le più semplici".

Per Tavarelli la sfida è portare in prima serata sulla tv generalista un prodotto di alto livello che potesse arrivare a tutti: "Abbiamo mantenuto uno standard di racconto che evitasse riassuntoni, attenti però a dare ritmo là dove serviva e prendendoci i tempi per raccontare i silenzi. Si deve considerare il pubblico come composto da persone con un diverso metro di giudizio. Si può veicolare una narrazione alta utilizzando un linguaggio semplice: la scommessa è proprio trovare un linguaggio comune ricco di senso. Abbassare il linguaggio è una sconfitta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE