FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Paralimpiadi, Bebe Vio dopo l'oro: "Ho rischiato di morire"

L'atleta avrebbe rischiato l'amputazione del braccio sinistro a seguito di un'infezione da stafilococco

 bebe vio
Instagram

Una vittoria sancita da un urlo di gioia quella di Bebe Vio. Dopo aver conquistato il secondo oro olimpico nella scherma, l'atleta si è lasciata andare a un momento di commozione e ha raccontato della malattia che l'aveva costretta a rinunciare alle gare di sciabola di aprile: "Ho avuto un'infezione da stafilococco che è andata molto peggio del previsto. Ho rischiato di dover amputare il braccio sinistro e di morire poco dopo". 

Un traguardo che l'atleta di Mogliano Veneto ha voluto condividere anche con il suo team: "Il dottor Accetta è stato bravissimo, come tutto lo staff. Io a Tokyo non dovevo esserci. Non so come abbiano fatto il mio fisioterapista Mauro Pierobon e il preparatore atletico delle Fiamme Oro Giuseppe Cerqua a fare questa magia". 

 

"Sono state due medaglie (questa e quella di Rio 2016, ndr) completamente diverse. A Rio è stata l'emozione della prima volta, mentre qui è stata veramente tosta perché non era nemmeno scontato che potessi tornare a tirare", ha proseguito Vio. Che sui social ricorda con il suo solito entusiasmo: "Se sembra impossibile, allora si può fare..due volte!". 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali