FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"The Blues Brothers", storia e curiosità di un mito che dura da 40 anni

Il cult con John Belushi e Dan Aykroyd fu proiettato per la prima volta nei cinema americani il 20 giugno 1980

Tra gag e sketch esilaranti, inseguimenti rocamboleschi e musica black, "The Blues Brothers" è diventato una delle leggende della storia del cinema. La storia della missione per conto di Dio di Jake ed Elwood Blues arrivò esattamente 40 anni fa nelle sale americane, il 20 giugno 1980. Diretto da John Landis, ha consacrato i suoi due protagonisti, John Belushi e Dan Aykroyd, diventando parte della cultura pop grazie anche a una colonna sonora travolgente e a un cast stellare di musicisti e cantanti.

 

All'epoca inconsueto mix di musical, commedia e film d’azione, è uno degli esempi di cinema americano fracassone, goliardico e coinvolgente e fece sì che una generazione di colpo scoprisse l’importanza della musica afroamericana (jazz, blues e soul), grazie a leggende come Aretha Franklin, John Lee Hooker, James Brown e Cab Calloway.

 

LA STORIA - Dopo il rilascio di Jake Blues dalla prigione, lui e il fratello Elwood fanno visita a "La Pinguina", l'ultima delle suore che li ha allevati in orfanotrofio. Apprendono che l'arcidiocesi smetterà di sostenere la scuola e venderà l'orfanotrofio. L'unico modo per mantenere aperto il posto è pagare la tassa di 5000 dollari sulla proprietà entro 11 giorni. Così decidono di organizzare un concerto con la loro vecchia band utilizzando ogni sorta di espediente. Ma mentre cercano di compiere la loro "missione", nemici e ostacoli si moltiplicheranno lungo la strada.

 

UNA VERA BAND PRIMA DEL FILM - Il gruppo musicale dei Blues Brothers viene fondato nel 1978 dagli attori comici Dan Aykroyd e John Belushi. La band nacque come parte di uno sketch musicale per il Saturday Night Live, programma cult tra satira e comicità sulla Nbc, facendo il suo debutto come ospite musicale nella puntata del 22 aprile 1978. La coppia, affiancata da una band stabile (Steve Cropper, Lou Marini, Donald Duck Dunn, Matt Guitar Murphy, tra gli altri) iniziò a provare per una serie di concerti all’Universal Amphitheatre di Los Angeles, dove esordirono il 9 settembre 1978, introdotti dal comico Steve Martin. Il primo concerto divenne un disco live, pubblicato sempre del 1978 "A Briefcase full of blues", arrivò al numero uno delle classifiche americane e ottenne due dischi di platino.

 

L'INSUCCESSO INIZIALE - Il film al suo debutto negli States con 57 milioni d'incasso venne considerato un flop. Secondo Aykroyd parte dell'insuccesso iniziale è da attribuire al razzismo. In molti cinema degli Stati del sud si rifiutarono infatti di programmarlo a causa del fatto che nel cast c'erano troppo afroamericani, sostenendo che i bianchi non sarebbero andati a vederlo. Successivamente, ironia della sorte, gli incassi europei del film di Landis portarono "The Blues Brothers" a raddoppiare quelli nazionali e a totalizzare 115 milioni.

 

"The Blues Brothers", 40 anni fa nasceva il mito di Jake ed Elwood

 

MEN IN BLACK - Vestito nero, cappello nero, gli inconfondibili occhiali scuri: sono i tratti distintivi del look dei Blues Brothers. Nel film quando Aretha Franklin parla di Jake ed Elwood li descrive come due che "sembrano della Cia o qualcosa del genere". E' un accenno alla genesi dei due personaggi, nati da uno sketch sempre del "Saturday Night Live" in cui Belushi ed Aykroyd interpretavano due improbabili agenti segreti del presidente Ford (interpretato da Chevy Chase).

 

NEL NOME DI BELUSHI - Nel film, mentre si trovano in una cabina telefonica, Elwood chiede a Jake: "Chi chiamerai?" Questa stessa battuta divenne lo slogan pubblicitario di "Ghostbusters" scritto e interpretato dallo stesso Dan Aykroyd. La parte di Peter Venkman era stata inizialmente scritta pensando a John Belushi, anche se a causa della sua prematura morte andò poi Bill Murray.

 

CAMEO - Oltre a James Brown (il reverendo Cleophus), Ray Charles (il proprietario del negozio di strumenti), Aretha Franklin e John Lee Hooker, nella pellicola appaiono Carrie Fisher, scatenata fidanzata di Jake, Twiggy, l'avvenente bionda in una Jaguar cabriolet che fa conoscenza con Elwood al distributore di benzina, Steven Spielberg l'impiegato dell'ufficio delle tasse, John Landis nel ruolo del poliziotto “Trooper La Fong” nella scena dell'inseguimento nel centro commerciale, Frank Oz, regista e burattinaio dei Muppet, interpreta l'ufficiale della prigione che consegna a Jake gli effetti personali all'uscita dal carcere. 

 

AMORE SUL SET - Carrie Fisher si fidanzò con Dan Aykroyd durante le riprese del film, poco dopo lui la salvò dal soffocamento (colpa di un cavoletto di Bruxelles), applicando la manovra di Heimlich.

 

GUINNES E BLUESMOBILE - Durante le riprese sono state distrutte 103 auto. Per questa cifra il film è entrato nel Guinnes dei primati. Il cinema americano anni 80 è stato segnato dalle auto a tema (vedi "Ritorno al futuro" e "Ghostbusters"). La Bluesmobile del film è una Dodge Monaco 1974. I veicoli utilizzati nel film sono auto della polizia acquistate dalla California Highway Patrol. Dodici Bluesmobiles sono state usate nel film, tra cui una che è stata costruita solo per cadere a pezzi.

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali