FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Christian De Sica torna alla regia con "Sono solo fantasmi", tra horror-comedy e omaggio al padre

Lʼattore in sala dal 14 novembre in compagnia di Carlo Buccirosso e Gian Marco Tognazzi. Tgcom24 vi presenta una clip esclusiva

Dal 14 novembre arriva nelle sale italiane “Sono solo fantasmi”, diretto e interpretato da Christian De Sica, affiancato da Carlo Buccirosso e Gian Marco Tognazzi. I tre, con alle spalle una vita di fallimenti economici e familiari, si ritrovano a Napoli per il testamento del padre e scoprono che hanno avuto in eredità solo debiti. Per rimediare decidono di improvvisarsi acchiappafantasmi. Tgcom24 vi offre una clip esclusiva.

Sorta di "Ghostbusters" all'italiana, il film mescola horror, commedia e amarcord, ed è un chiaro omaggio a Vittorio De Sica.

 

Thomas (Christian De Sica), ex mago in bolletta, e  Carlo (Carlo Buccirosso), napoletano, sottomesso a moglie e suocero settentrionali, sono due fratellastri che si rincontrano dopo anni a Napoli per la morte del padre Vittorio, giocatore incallito e donnaiolo. Scoprono di avere un terzo fratello, Ugo (Gian Marco Tognazzi), apparentemente un po’ tonto ma in realtà un piccolo genio. L’eredità, agognata da Thomas e Carlo, sfuma a causa dei debiti del padre e i tre hanno una grande idea: sfruttare la superstizione e credulità napoletana, diventando degli ‘acchiappa fantasmi’. Proprio quando l’attività inaspettatamente sembra avere molto successo, lo spirito del padre Vittorio s’impossessa del corpo di Carlo.  Thomas e Carlo si convincono che i fantasmi esistono davvero.  Inconsapevolmente i tre con la loro impresa hanno risvegliato il fantasma della Janara, una temibile strega che minaccia di distruggere Napoli. Con l’aiuto del padre i tre fratelli cercheranno di salvare la città.

 

Il mattatore di tanti cinepanettoni ha raccontato il suo primo esperimento nella commedia horror, piena di effetti speciali e spettri volanti: "Ho voluto raccontare una Napoli diversa, senza camorra, non buia e nera ma luminosa, come piaceva a mio padre. Una Napoli positiva nonostante i fantasmi, quella del golfo, di Benedetto Croce, di O’ Sole Mio"" ha spiegato De Sica.

 

A proposito dei dichiarati tratti biografici del film aggiunge: "Ci sono rimandi come la passione per il gioco, l'eredità complicata e l'essere donnaiolo. Ogni tanto arrivava una telefonata a casa con qualcuno che diceva di essere mio fratello o sorella. Certo che è un omaggio a mio padre da qui anche l'ispirazione di mettere insieme tre fratelli con madri diverse. Ma mio padre, a parte tante cose, alla fine era un genio". 

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali