FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"A Private War", il biopic sulla coraggiosa reporter di guerra Marie Colvin

Dal 22 novembre Rosamund Pike fa rivivere sul grande schermo la giornalista morta in Siria nel 2012

Dopo essere passato al Festival di Toronto e alla Festa del Cinema di Roma, arriva in sala dal 22 novembre "A Private War", la vera storia di Marie Colvin, reporter di guerra in alcune delle nazioni più pericolose del mondo. Rosamund Pike interpreta l'eroica giornalista che lavorò per il settimanale britannico "The Sunday Times" dal 1985 al 2012, combattendo una personale battaglia per affermare il principio della verità ad ogni costo. Tgcom24 vi offre una clip esclusiva.

Tratto dall’articolo "Marie Colvin’s Private War" di Marie Brenner, pubblicato sull’edizione statunitense di "Vanity Fair, il biopic ripercorre la vita personale e professionale della giornalista, che ha documentato in prima persona le guerre in Medio Oriente, Cecenia, Kosovo, Zimbabwe e Sri Lanka, dove nel 2001 perse l’occhio sinistro. La Colvin venne tragicamente uccisa in Siria nel 2012 insieme al fotografo francese Rémi Ochlik durante un’offensiva, mentre tentava di raccogliere informazioni sulla guerra civile in corso.

Il film è diretto da Matthew Heineman, regista di documentari come "City of Ghosts" e "Cartel Land" (nominato agli Oscar come Miglior Documentario nel 2015) e nel cast troviamo anche Jamie Dornan (la saga "Cinquanta Sfumature") e Stanley Tucci.

"Il giornalismo è sotto attacco e sempre più polarizzato da 'notizie' inventate che si mascherano da vero giornalismo", ha spiegato Heineman, aggiungendo: "Colvin era uno spirito assolutamente senza paura e ribelle, pronta a correre enormi rischi per ottenere una storia. Era costantemente sotto attacco, ma ciò che la distingueva davvero, più di ogni altra cosa, era il suo profondo desiderio di mostrare la vera sofferenza umana causata dalla guerra. La sua missione, con le sue stesse parole, era di 'alzare la testa contro il potere'. Voleva che il mondo si preoccupasse di quelle atrocità indicibili, che sono così spesso tenute a debita distanza, tanto quanto lei".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali