FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Stanley Kubrick, allʼasta i cimeli dei suoi film: dal giubbotto di Nicholson al cappotto di Cruise

Tante memorabilia andranno allʼincanto a Torino il 27 marzo, da Aste Bolaffi

Il ciak di "Eyes Wide Shut", il giubbotto di Jack Torrance in "Shining", il cappello del sergente Hartman di "Full Metal Jacket". Sono alcuni dei cimeli di Stanley Kubrick che saranno venduti all'incanto da Aste Bolaffi il 27 marzo a Torino. I memorabilia provengono dalla collezione di Emilio D'Alessandro, che è stato per quasi 30 anni il suo assistente. L'evento arriva a 19 anni dalla scomparsa del regista, che morì il 7 marzo 1999, prima che "Eyes Wide Shut" arrivasse in sala.

I cimeli di Kubrick allʼAsta Bolaffi

I memorabilia sulla vita del regista sono provenienti dalla collezione di Emilio e Janette D’Alessandro, oggetti di set e personali, raccolti e conservati gelosamente da Emilio, assistente, poi uomo di fiducia e amico di Kubrick, tra il 1971 e il 1999. L'uomo iniziò a lavorare per il regista come autista ma, nel tempo, instaurò con lui un rapporto sempre più profondo e personale. A testimoniare questa speciale relazione con un regista noto per il suo carattere burbero e difficile da avvicinare, ci sono gli omaggi che il cineasta gli rese in "Eyes Wide Shut", facendolo recitare in un cameo e dando il suo nome a un bar frequentato dal medico impersonato da Tom Cruise. Da quel bar proviene il grande stendardo su cui campeggia la scritta "Caffè da Emilio", tra gli oggetti all'asta. Dallo stesso set, arrivano anche il ciak originale del film, uno dei cappotti e l’orologio indossati da Cruise durante la riprese.

Invece dall'altro cult, "Shining", ecco uno degli abiti di scena più iconici della storia del cinema: la giacca in velluto bordeaux del protagonista Jack Torrance, interpretato da Jack Nicholson. Da quel set arrivano anche sette portachiavi colorati con i numeri fittizi delle stanze e due tappeti del Colorado Lounge, la sala dove il protagonista lavora al suo romanzo. Raro è poi un lungo frammento della pellicola originale con la scena di Wendy che porta in braccio il figlio Danny, donato a D’Alessandro dal regista (che era celebre anche per far bruciare tutte le parti avanzate di pellicola una volta terminato il montaggio).

Tra gli oggetti di culto provenienti dal set di "Full Metal Jacket" c’è uno dei cappelli del sergente Hartman e la giacca militare verde usata da Kubrick sul set con stampato il suo nome. Tra gilet, torce e pale militari, si distingue un vinile con la colonna sonora originale del film composta dalla figlia di Kubrick e la dedica autografa del regista "To Emilio with Love, S. Kubrick".

Tra gli altri lotti figurano alcuni oggetti di scena di "Arancia Meccanica", un cappello a tricorno disegnato per "Barry Lyndon" da Milena Canonero, un raccoglitore a soffietto che conteneva gli script del film suddivisi per scene.

Il catalogo si chiude con uno degli ultimi biglietti autografi lasciati dal regista all’amico di una vita: "This is the last mail pickup. I am very sad", firmato "S".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali