"OGGI RINASCO"

Venezia 79, Crialese e la sua storia di transizione nell'"Immensità": "Sono nato donna"

Nel quinto giorno sul Lido il regista italiano ha emozionato con il suo film con Penelope Cruz

05 Set 2022 - 10:14
Emanuele Crialese © IPA

Emanuele Crialese © IPA

A Venezia 79 è arrivato "L'Immensità'' di Emanuele Crialese, terzo film italiano in concorso, interpretato da Penelope Cruz e Vincenzo Amato. E' la storia di una famiglia in cui l'amore è finito e nell'infelicità la madre cresce tre figli, la maggiore delle quali rifiuta il suo nome e la sua identità sensuale. Un racconto autobiografico che Crialese inseguiva da sempre, "è una storia che mi riguarda molto da vicino, è la mia storia in chiave poetica, sarebbe riduttivo definirlo il mio 'coming out'"

Crialese ha spiegato a Venezia 79 che "L'immensità" è il film della vita, "mi sono avvicinato al cinema forse per questo, ma se l'avessi fatto come primo film sarebbe stato pallosissimo, magari didascalico, sarebbe stata la storia di un poveraccio che vive la crisi di genere, invece ho aspettato, ho consapevolezza e cose come queste bisogna riuscire a raccontarle quando si sa parlare".

D'altronde ci si può mettere una vita per raccontare come si è, "come sono sempre stato, non ho ricordi di me diversi da quelli, non sono scelte, bisogna solo credere in sè stessi come si è". Emanuele Crialese non vuole che si definisca "L'Immensità" il film del suo coming out, "io sono sempre stato out!, non sono una rockstar, cosa dovrebbe importare alla gente, è piuttosto un film che mi riguarda molto da vicino, racconta in chiave poetica la mia infanzia, non c'è nessuna trasformazione o transizione, sarebbe una disinformazione".

Venezia 79, Penelope Cruz incanta il Lido

1 di 15
© IPA © IPA © IPA © IPA

© IPA

© IPA

Certo in quella memoria c'è una casa degli anni 70 in uno dei quartieri in costruzione a Roma in quel periodo, "identica alla mia" e poi ci sono le dinamiche familiari, le gioie di ballare le canzoni di Raffaella Carrà, ma soprattutto i dolori. "Mia madre non sapeva dove sbattere la testa si nascondeva con me proprio come accade nel film, cercava di proteggermi, ma io soffrivo del dolore che le davo. Fin quando più avanti non sono riuscito a cambiare la a con la e - il suo nome di nascita al femminile - e lasciare un pezzo del mio corpo, questo è stato negoziare la condizione. Io sono e non sono e voglio rimanere così e spero di non scioccare proprio nessuno. Io sono figlio del mio tempo, ora per fortuna i tempi sono cambiati, i bambini in questo sono grandi maestri, sanno usare le nuove parole, il gender fluid ad esempio, e ci dicono 'maschio - femmina sono categorie, siamo quello che siamo, ossia esseri umani prima che definiti sessualmente'", racconta commosso Crialese.

"Oggi c'è un'altra società rispetto a quella in cui sono cresciuto io, ma bisogna sostenere le famiglie e non lasciarle sole come è stata mia madre all'epoca". La Roma del film "è un paesaggio astratto, metafisico. Per me che amo i grandi paesaggi aperti girare tutto il film dentro una casa mi sembrava impossibile, invece, forse perché è la riproduzione esatta della mia da piccolo, mi sono sentito bene. Per tanto tempo ho pensato: prima o poi racconto questa storia autobiografica, sta lì, ti ossessiona, poi è arrivato il tempo e tutto è andato come doveva andare" ha spiegato il regista di "Respiro" e "Terraferma". Se Vincenzo Amato, il padre, era una scelta scontata, essendo il suo attore feticcio, quella della madre così come dell'adolescente Adriana che rifiuta la sua identità erano fondamentali. "Penelope Cruz è l'archetipo di donna e madre, è come la Penelope di Ulisse. E' stata generosissima, i ragazzi sul set la vedevano come una dea e lei giocava con loro: è stata una magia".

In Luana Giuliani, che interpreta Adriana che vuole farsi chiamare Andrea, "ho rivisto me stesso". Il loro rapporto è il cuore della storia, "forse perché i personaggi femminili sono quelli che mi interessano davvero, gli uomini invece sono una noia!". Infine la Carrà, una sorta di nume tutelare de "L'Immensità: "La scena del ballo sulle note di 'Rumore' che fa Penelope con i suoi ragazzi è stata girata il giorno in cui il produttore Mario Gianani è venuto a dirci che Raffaella, di cui aspettavamo una visita sul set, era morta, è stata una strana sincronia".

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri