FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Scandalo molestie, salta acquisto della Weinstein Company: bancarotta più vicina

Lʼaccordo raggiunto per la Weinstein Company avrebbe dovuto porre fine alle sofferenze della casa di produzione cinematografica, una delle più potenti di Hollywood

Scandalo molestie, salta acquisto della Weinstein Company: bancarotta più vicina
Il produttore cinematografico statunitense Harvey Weinstein posa durante un photocall mentre arriva per partecipare al De Grisogono Party a margine del 70 ° Festival di Cannes, presso l'hotel Cap-Eden-Roc di Antibes, vicino a Cannes, nel sud-est della Francia, il 23 maggio 2017

Il gruppo di investitori che voleva acquistare la Weinstein Company, salvandola dalla bancarotta dopo lo scandalo degli abusi sessuali che ha travolto il suo fondatore, Harvey Weinstein, ha cancellato l'accordo citando informazioni insoddisfacenti sulla fattibilità dell'intesa. A guidare l'operazione era Maria Contreras-Sweet, 62 anni, di origini messicane, nota per aver lavorato nell'amministrazione Obama come responsabile delle piccole imprese.

E' stata proprio Maria Contreras-Sweet a dare l'annuncio. L'imprenditrice non ha fornito ulteriori dettagli ma ha precisato che il gruppo potrebbe essere ancora interessato nell'acquisto di alcuni asset dello studio dalla procedura fallimentare.

L'accordo raggiunto per la Weinstein Company avrebbe dovuto porre fine alle sofferenze della casa di produzione cinematografica, una delle più potenti di Hollywood, con un'operazione valutata intorno ai 500 milioni di dollari, compresa l'assunzione del debito accumulato dalla società, pari a 225 milioni di dollari. L'intesa, le cui basi erano state gettate nel novembre scorso, dopo che Henry Weinstein era stato licenziato a seguito delle denunce di abusi e molestie da parte di decine di donne, avrebbe dovuto essere chiusa entro 40 giorni.

L'idea di Contreras era quella di affidare nel futuro la guida dello studio a una donna, per dare un drastico e simbolico taglio con il passato. Anche il futuro board societario nelle intenzioni dei nuovi proprietari doveva essere a maggioranza femminile. Era prevista inoltre l'istituzione di un fondo per risarcire le vittime degli abusi che, stando alle indiscrezioni, si aggirerebbe intorno agli 80-90 milioni di dollari.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali