FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Richard Gere sulla questione migranti: "Europa e Stati Uniti aiutino lʼItalia"

In occasione della presentazione del suo nuovo film "Lʼincredibile vita di Norman", lʼattore si è detto favorevole allʼaccoglienza, ma spiega che il nostro Paese non può farcela da solo. E su Donald Trump...

Richard Gere sulla questione migranti: "Europa e Stati Uniti aiutino l'Italia"

Dichiarazioni a tutto campo per Richard Gere, impegnato a Roma nella promozione del suo ultimo film "L'incredibile vita di Norman", in cui interpreta un affarista alla disperata ricerca di amicizie che possano cambiargli la vita. L'attore, oltre a presentare la pellicola, ha espresso il suo parere sui migranti: "L'Italia ha dimostrato generosità nell'accoglierli, ma è un compito che devono svolgere anche il resto d'Europa e gli Usa".

Richard Gere ha poi aggiunto che la cosa più grave sarebbe "cedere, per paura degli afflussi, ai nazionalismi. Finora in Europa solo la Germania, con Angela Merkel, seppur fra tante critiche, ha accettato milioni di rifugiati. Non si è fatta fermare e ha fatto bene".

La pellicola - Il film è una favola moderna su amicizia e potere diretta dall'israeliano Joseph Cedar, e arriverà nei cinema dal 28 settembre. Il protagonista è Norman Oppenheimer (Richard Gere), un faccendiere a metà tra un imbroglione e un benefattore, che in maniera improvvisata ricerca sempre il contatto giusto per sviluppare i propri affari e far parte di "quelli che contano". "Norman è portato al compromesso, ma ha un cuore sincero. Lui vorrebbe far felici gli altri, sedersi a tavola con loro, è generoso e gentile" - spiega l'attore americano.

Su Donald Trump - Richard Gere, partendo dal suo personaggio, affronta un discorso più ampio, che coinvolge l'attuale panorama politico mondiale: "Il mondo in cui viviamo è basato sui compromessi, sul cercare il modo di ottenere quello che vogliamo dagli altri. Abbiamo un presidente degli Stati Uniti totalmente motivato dai compromessi, che non è mosso da alcun senso morale. E' lo specchio della nostra società" - attacca.

La Cina e Hollywood - Gere ha poi parlato della presenza sempre più rilevante di investitori cinesi in quel di Hollywood, che potrebbe creargli qualche problema in virtù della sua posizione netta sull'indipendenza politica del Tibet. In ogni caso, non sembra preoccuparsene più di tanto: "In fondo io non sono mai stato un attore di blockbuster, in quel caso la cosa avrebbe influito di più. Faccio invece film indipendenti. E' un fenomeno comunque inarrestabile, i cinesi sono sempre più potenti non solo nella produzione ma anche nell'esercizio".

Obbiettivo Oscar? - Anche se la critica americana è rimasta entusiasta dalla sua interpretazione di Norman, l'attore non considera l'Oscar una priorità, ma aggiunge: "Mi interessa per il fatto che mi renderebbe più facile fare più film indipendenti. In questo senso, perché no?".

Roma, Richard Gere presenta "Lʼincredibile vita di Norman"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali