FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Paul McCartney ritorna in Italia: due concerti a giugno

Lʼex Beatles sarà dal vivo a Napoli e Lucca. Lʼultimo concerto nel nostro Paese è stato nel 2013 allʼArena di Verona

"Tieniti pronta a scatenarti, Italia!". Paul McCartney ha annunciato 2 concerti in Italia per il 2020, a sette anni di distanza dal suo ultimo passaggio nel nostro Paese (2013 all'Arena di Verona). La star farà tappa a Napoli (in Piazza Plebiscito), il 10 giugno, dopo 29 anni e a Lucca (per Lucca Summer Festival), dove si esibirà per la prima volta il 13 giugno. L'ex Beatles ha già tenuto 39 concerti in 12 Paesi dall'inizio del suo tour mondiale "Freshen Up".

"Non posso credere che siano passati sette anni dal nostro ultimo concerto in Italia. Ci siamo divertiti tantissimo in quell'ultimo viaggio quindi siamo certi che queste saranno due serate memorabili per noi e non vediamo l'ora di tornare. Un ulteriore bonus per me è il fatto che questa sarà la mia prima volta di sempre a Lucca", ha detto McCartney. 

 

Il cantautore, che ha compiuto a giugno 77 anni, sarà accompagnato sul palco dalla sua band che lo segue in tour da ormai 15 anni: Paul WIX Wickens (tastiera), Bryan Ray (basso e chitarra), Rusty Anderson (chitarra) e Abe Laboriel Jr (batteria).

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali