FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Orlando Bloom si fa un tatuaggio in codice morse per il figlio... ma dimentica un puntino!

Lʼattore storpia il nome del figlio che da "Flynn" diventa "Frynn"

Orlando Bloom ha condiviso con i follower di Instagram il suo nuovo tatuaggio e li ha sfidati a indovinare a chi fosse rivolto il messaggio in codice morse, dedicato al figlio Flynn. Alcuni ci sono riusciti, segnalando però un errore: "Bellissima l'idea, ma la scritta significa Frynn. Per la 'l' devi aggiungere un altro punto". Il  tenero gesto è stato comunque apprezzato da tutti, anche con un puntino in meno.

Il figlio Flynn, avuto dalla prima moglie Miranda Kerr, non è l'unica persona che Bloom ha nel cuore. Esattamente un anno fa, proprio a San Valentino, era infatti arrivata la notizia del fidanzamento ufficiale con Katy Perry.  I due sarebbero dovuti convolare a nozze lo scorso dicembre, ma hanno scelto di posticipare la data per organizzare una cerimonia perfetta sin nei minimi dettagli.

 

A quanto riporta "Us Weekly", Orlando e Kate diventeranno marito e moglie il prossimo aprile. E la cicogna potrebbe spiccare il volo già durante la luna di miele. "Kate vuole diventare mamma al più presto, subito dopo le nozze", ha infatti spifferato una fonte al magazine. 

 

Potrebbe interessarti:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali