FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Molestie, avanza la causa dellʼattrice italiana anonima: Weinstein rischia il processo

La denuncia di stupro arrivata alla polizia di Los Angeles è alla procura della contea

Molestie, avanza la causa dell'attrice italiana anonima: Weinstein rischia il processo

Prosegue il suo cammino verso l'aula di tribunale la denuncia di stupro contro Harvey Weinstein dell'attrice e modella italiana che aveva chiesto di restare anonima quando mesi fa aveva accusato l'ex capo di Miramax in una intervista al Los Angeles Times. La polizia di Los Angeles sembra convinta che ci siano gli estremi per incriminare il produttore e ha trasmesso il dossier alla procura della contea a cui spetta la decisione sul procedere o meno al rinvio a giudizio.

L'attrice italiana che ha 38 anni ed è apparsa sulla copertina di Vogue aveva raccontato nell'intervista che Weinstein, dopo averla avvicinata nel febbraio 2013 al Los Angeles Italia Film, Fashion and Art Fest, si era presentato non invitato nel suo albergo di Beverly Hills e l'aveva violentata nel bagno della camera. La novità è che la polizia ha ottenuto le ricevute che documentano sua presenza in albergo, anche se non quella di Weinstein allo stesso tempo.

TESTIMONI - Secondo fonti di polizia il caso di denuncia dell'attrice italiana può evolversi in una causa giudiziaria perché la donna ha confidato la vicenda a tre persone tra cui il suo sacerdote quasi subito dopo esser stata aggredita.

NUOVA LEGGE - La procura ha un nuovo asso nella manica: una legge della California consente di introdurre come prova in casi di violenza sessuale accuse di altre donne, anche se non hanno mai prodotto un'incriminazione. Gli esperti legali sono convinti che le numerose denunce contro Weinstein possano servire a far pendere a favore della donna l'esito. "Se si andrà al processo vedrete una sfilata di celebri star sul banco dei testimoni", ha detto l'ex procuratore della Contea di Los Angeles Steve Cooley. Intanto Weinstein e i suoi legali continuano a sostenere che il produttore non ha mai fatto sesso non consensuale.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali