FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Matthew Lee: "Tra classica e rockʼnʼroll sono sempre un Piano Man"

Eʼ uscito il nuovo album del cantante e pianista pesarese. Sempre allʼinsegna del rockʼnʼroll ma con qualche variazione rispetto al passato. E adesso parte in tour

Matthew Lee: "Tra classica e rock'n'roll sono sempre un Piano Man"

Rock'n'roll e musica classica, ma anche il funky di Bruno Mars o un brano romantico "che avrebbe potuto vincere il Festival di Sanremo". Il nuovo lavoro di Matthew Lee, "Piano Man", non ha barriere ma solo un punto fermo: il pianoforte. "Anche io fruisco della radio come tutti e nel disco ho voluto mettere quello che ascolto e mi piace - dice -. Rispetto ai primi tempi ho più consapevolezza".

Per Lee questo è un passaggio importante, perché segna il debutto con Decca/Universal. Entrare nell'orbita di una major è la certificazione di un lavoro duro fatto nel corso degli anni, soprattutto dal vivo dove l'artista marchigiano con oltre mille concerti sulle spalle si è affermato come performer straordinario adorato anche all'estero, grazie a show a dir poco travolgenti dove tira fuori tutto il proprio istrionismo.

"Piano Man" mescola brani originali, cover che vanno da Bruno Mars a Bobby Darin passando per George Harrison e Nancy Sinatra, con incursioni più sorprendenti nei mondi di Kurt Weill e Gioacchino Rossini. "In questo disco ho seguito le mie inclinazioni - spiega -. Forse nel precedente ero stato un po' troppo pop per i miei gusti. Qui ho preferito andare all'osso, anche nell'uso della lingua, usando più l'inglese". Tra le poche eccezioni c'è "La più bella canzone d'amore", brano inusuale per le abitudini di Lee, per il suo essere una ballad. "Inizialmente l'avevo rifiutata senza nemmeno sentirla, perché cercavo solo il rock'n'roll - dice -. Ma quando poi l'ho sentita me ne sono innamorato all'istante. Ha sonorità molto anni 60". 

Matthew Lee arriva a questo appuntamento dopo una lunga gavetta, nella quale, nonostante le straordinarie doti, è rimasto un artista di culto e non di massa. Cosa è mancato? "Non ho mai avuto la possibilità di far sapere quello che facevo - dice -, non avevo una cassa di risonanza adeguata. Ci sarebbero stati i talent, ma non era la mia strada e ho preferito fare un giro un po' più largo e faticoso...".

LE DATE DEL TOUR
Febbraio
2 Milano Blue Note
3 Montegranaro Teatro La Perla
14 Taranto Teatro Orfeo
15 Matera Auditorium Gervasio
17 Aosta Teatro Splendor
22-23 Roma Teatro Cyrano

Marzo
9 Bologna Teatro Tivoli
18 Artegna Teatro Lavaroni
24 Napoli Teatro Bolivar

Aprile
7 Seregno Auditorium
18 Firenze Spazio Alfieri
21 Torino Teatro Superga

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE