FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Macaulay Culkin è diventato papà, primo bebè con Brenda Song 

Si tratta di un bambino a cui i neo genitori hanno dato il nome di Dakota 


Macaulay Culkin è diventato papà. L'ex baby star di Hollywood, l'eterno "attore bambino" è ufficialmente cresciuto e a 40 anni ha dato il benvenuto al suo primo figlio, un bambino, insieme alla compagna Brenda Song, ex star Disney e attrice di "Scandal" e "New Girl". "Siamo super felici", hanno commentato i due neo genitori che al piccolo hanno dato il nome di Dakota, un tributo alla sorella dell'attore scomparsa nel 2008.

Macaulay e Brenda sono diventati genitori

Il bimbo è nato lunedì 5 aprile alle 13:10 a Los Angeles, con un peso di 6 libbre e 14 once, come riferisce il magazine Esquire.

Brenda e Macaulay si sono incontrati sul set di "Changeland" nel 2017, ma hanno sempre tenuto la loro relazione lontana dai riflettori per evitare intrusioni nella loro vita privata. La stessa gravidanza di Brenda non è stata rivelata e la coppia non ha mai annunciato di aspettare un figlio. L'anno scorso però Culkin aveva detto che lui e la compagna stavano cercando di mettere su una famiglia e scherzando aveva aggiunto: "Pratichiamo molto. Stiamo cercando di capire la tempistica, e non c'è niente di più eccitante di quando la tua signora entra nella stanza e dice: 'Tesoro, sto ovulando'".


La coppia è molto legata e ad Esquire la Song ha dichiarato: "Non puoi stare vicino a Macaulay e non essere felice. Le persone non si rendono conto di quanto sia incredibilmente gentile, leale, dolce e intelligente".

 

 

Prima dell'arrivo di Dakota i due erano "genitori" amorevoli solo di una nidiata di animali che include tre gatti, alcuni pesci, uno Shiba Inu e un pappagallo pionus dalla testa blu. Adesso però si fa sul serio per loro: è arrivata Dakota!

 

La vicenda legata alla morte della sorella di Cuklin risale al 2008, quando la donna venne investita davanti ad un locale di Los Angeles e riportò ferite mortali.  
L'incidente non aveva condotto ad un'indagine penale, poiché gli agenti della polizia di Los Angeles avevano stabilito che l'automobilista non guidava ubriaco, si era fermato per aiutare e aveva seguito tutte le leggi. La portavoce di Culkin aveva definito la morte di Dakota un "terribile tragico incidente", ma l'attore non ha mai del tutto archiviato quel brutto capitolo della sua vita. 

 

Macaulay Culkin, ascesa e caduta dell'ex baby star di Hollywood

 

Culkin, che ha compiuto 40 anni il 20 agosto dell'anno scorso,  è diventato famoso molto presto, quando negli anni Novanta recitò nei panni di Kevin McCallister in "Mamma ho perso l'aereo", un ruolo che ha cambiato per sempre la sua vita. Mentre gli altri bambini di 10 anni andavano a scuola, lui camminava sui red carpet, rispondeva alle interviste, volava su aerei privati, si vedeva su enormi manifesti pubblicitari. Il film fu un successo clamoroso e lo rese il bambino più amato del cinema. Ma già quattro anno dopo la sua uscita per il giovanissimo attore era già cominciato il declino professionale e non solo. A quell'inaspettato e incredibile successo seguirono solo ruoli in film mediocri, problemi con il padre violento e sfruttatore, con la giustizia e con la droga. 
Adesso però l'eterno bambino prodigio di Hollywood è diventato padre lui stesso. Per lui sta per iniziare un nuovo entusiasmante capitolo della sua vita. 

 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali