FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ligabue si riprende San Siro: concerto "rovente" davanti a 56mila persone

Ventidue anni dopo il primo show nello stadio milanese il rocker emiliano ha ritrovato il suo pubblico

Ligabue si riprende San Siro: concerto "rovente" davanti a 56mila persone

Ligabue torna a San Siro a ventidue anni dal debutto nello stadio milanese, e in una sera spazza via tutti i dubbi e le difficoltà incontrate all'inizio di questo "Start Tour". Di fronte a quasi 60mila spettatori il rocker di Correggio ha offerto uno show energico, con una scaletta che ha scandagliato passato e presente in un mix equilibrato e seguito passo passo dal pubblico che ha cantato e acclamato a gran voce il Liga.

Forse ci voleva proprio lo stadio italiano del rock per antonomasia per riannodare definitivamente il legame tra Ligabue e il suo pubblico. Fin dalla prima nota di "Polvere di stelle" la gente ha fatto da co-protagonista assoluto, unendosi agli alti volumi del gruppo in un rito collettivo capace di non badare nemmeno al caldo milanese asfissiante di questi giorni. Anzi, l'atmosfera è diventata così del tutto rovente, in un'accezione positiva.

Quella che ha riempito il Meazza è stata una folla intergenerazionale con molti ventenni e trentenni che si riconoscono nelle canzoni del Liga. Una scaletta equilibrata tra passato, presente e chicche si dipana in un classico rock show dove luci e visual sono un corredo emotivo, ma non didascalico, dai festoni colorati per "Ballando sul mondo" alle immagini dei social che reinterpretano il senso di "A che ora è la fine del mondo". Se lo show è impostato su un impatto decisamente forte, a livello di volumi e resa visiva, il contrasto con la sezione "a solo", dove Liga si porta al centro del campo e canta un medley acustico aperto da "Una vita da mediano", è ancora più forte.

"Un colpo all'anima" è il brano che riporta la band sul gigantesco palcoscenico, per rialzare volumi e intensità ma con la stessa voglia di esplorare i lati luminosi e oscuri delle vite di tutti, tra brani come "Happy hour" o "La cattiva compagnia". Un senso di comunanza che rende ancora più significativo il messaggio ecologista suggerito sul brano storico "Non è tempo per noi" dai visual sulla catastrofe climatica indotta dall'attività umana. A un'ora abbondante dall'inizio, il medley Rock Club porta la band nel mezzo del prato, sul palchetto al termine della seconda passerella: proposti con assetto elettrico e minimale, brani come "Vivo morto o X", "Il giorno dei giorni", "L'odore del sesso" e "I ragazzi sono in giro" ribadiscono l'attitudine prettamente chitarristica dello show. Si tratta del preludio al gran finale, l'ultimo atto dei megasuccessi da cantare a squarciagola, sfidando l'arsura. Dopo la recente "Quello che mi fa la guerra", "Niente paura" e il singolo "Certe donne brillano", arrivano infatti i pezzi che alzano ulteriormente i volumi dei cori: classici come "Ho perso le parole", "Certe notti", "Tra palco e realtà", fino ai bis "Piccola stella senza cielo" e "Urlando contro il cielo". Il ritorno a casa di Ligabue è completo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali