FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Compie 50 anni "Led Zeppelin II", l'album che riuscì a detronizzare i Beatles

Eʼ uno dei monumenti più rappresentativi della storia del rock e primo disco del quartetto a conquistare il primo posto nelle chart di Usa e Gran Bretagna

Il potente riff di chitarra di "Whole Lotta Love" apre "Led Zeppelin II", un album destinato a restare nella storia. Il secondo lavoro del quartetto guidato Robert Plant e Jimmy Page esce nei negozi il 22 ottobre 1969, a soli 9 mesi dal loro folgorante esordio: la casa discografica li ha spinti a registrare in fretta e furia durante le pause del tour in cui la band si era lanciata. E' il disco che li consacra al successo, conquistando il primo posto delle classifiche in Usa e Gran Bretagna, scalzando "Abbey Road" dei Beatles. Un simbolico passaggio del testimone.

Solamente nel gennaio dello stesso anno la band aveva lanciato l’album di debutto con brani come "Good Times Bad Times" e "Dazed And Confused". Ma la Atlantic esigeva da loro una nuova opera da buttare fuori entro Natale. "Led Zeppelin II" è stato il risultato (o l'incredibile magia) di una folle realizzazione, un disco composto da materiale basato su idee nate in stanze d'albergo, provate nel corso dei soundcheck o in improvvisazioni live, mentre Robert Plant, Jimmy Page, John Paul Jones, John Bonham si spostavano tra Londra, New York, Vancouver e Los Angeles.

led zeppelin II

 

"Avevano un furgone pieno zeppo di nastri", ricorda il tecnico del suono Eddie Kramer (che aveva lavorato con Hendrix per "Electtric Ladyland"). I risultati finali furono mixati in soli due giorni negli studi A&R di New York. Fa strano pensare a come "Heartbreaker", "Lemon Song", "Ramble On", "Moby Dick" abbiano potuto essere realizzate sotto tale pressione.

 

Quattro individualità eccezionali, un urlo primordiale, un suono dirompente. L'album, che spazia dal blues all'hard rock, fino alla psichedelia, rimarrà impresso come quello più heavy e selvaggio dei Led Zeppelin, figlio della loro folle esuberanza. E 50 anni dopo mantiene la stessa pura energia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali