FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

La figlia di Paul Walker difende il diritto all'aborto: "Io stessa ho abortito durante la pandemia e i medici mi hanno aiutato..."

Il lungo sfogo social della giovane modella 23enne

"Io stessa ho abortito.

Ho dovuto combattere con questa scelta nel 2020, mentre il mondo stava collassando per la pandemia", così

Meadow Walker, 23 anni,

ha confessato su Instagram di aver vissuto questa esperienza che definisce "privata e personale". Lo ha fatto all'indomani della sentenza shock della Suprema Corte che ha abolito il diritto all’aborto negli Stati Uniti: "La giornata di oggi segna un’enorme battuta d’arresto nella storia, una profonda ingiustizia nei confronti delle donne...", scrive

la figlia di Paul Walker.

 


 




Un post con il quale la giovane modella sfoga la sua rabbia per una decisione che sta sollevando mobilitazioni di protesta in tutta America e non solo. 


 



Poi, raccontando del suo aborto Meadow, unica figlia

dell'attore di "Fast&Furious",

morto nel 2013 in un incidente d’auto, aggiunge: "Sono stata fortunata abbastanza da avere ottimi medici a supportarmi durante il processo debilitante e grazie al loro aiuto oggi sono una persona felice e in salute. Sapere che molte altre donne non avranno l’opportunità di avere un aborto sicuro e non potranno scegliere di mettere il loro corpo al primo posto mi spezza il cuore. In un mondo che lascia costantemente a margine le donne, questa suona come la violenza peggiore. Vietare l’aborto non preverrà l’aborto, ma l’aborto sicuro".


 



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali