FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elliot Page e la moglie Emma Portner pronti al divorzio

Dopo tre anni di matrimonio la coppia si separa: "Resteremo amici"

Dopo il coming out e il cambio di nome, Elliot Page si prepara a un altro grosso cambiamento nella sua vita. Nel gennaio 2018 l'attore aveva sposato in gran segreto la ballerina Emma Portner, ma a tre anni dalle nozze è finita. "Dopo molte riflessioni e attente valutazioni, abbiamo preso la difficile decisione di divorziare. Abbiamo il massimo rispetto reciproco e resteremo amici", hanno fatto sapere in un comunicato.

Ellliot Page e Emma Portner divorziano dopo tre anni

La separazione risale alla scorsa estate ed entrambi hanno già fatto piazza pulita dei rispettivi profili social, cancellando tutte le foto che li ritraggono insieme. Nonostante questo, la coppia sembra intenzionata a rimanere in buoni rapporti e a supportarsi a vicenda. 

 

Già all'epoca del coming-out, infatti, i due avevano preso strade diverse ma Emma le aveva comunque dedicato un dolcissimo messaggio di vicinanza via social: "Sono orgogliosa di Elliot. Le persone transgender, queer e non binarie sono un dono per questo mondo. L’esistenza di Elliot è un dono in sé e per sé. Ti amo così tanto". 

 

Ti potrebbe interessare:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali