FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Demi Lovato celebra la giornata della marijuana fumando un bong

La popstar, dopo l'overdose, non rinuncia ad alcol e droghe leggere

Dopo aver rischiato di morire per un'overdose, Demi Lovato ha smesso con le droghe pesanti ma non ha rinunciato alla marijuana, che in California è legale. Per festeggiare il "weed day", la giornata dedicata alla cannabis che si celebra il 20 aprile, la popstar ha infatti pubblicato una foto di lei intenta ad accendere una pipa di vetro. "Buon 420!", ha commentato Demi riferendosi all'altro nome con cui viene chiamata la "festività".

 

 

La Lovato adesso si definisce una "californiana sobria" e dopo aver rischiato la vita con l'eroina ha detto di aver smesso con le droghe pesanti, ma non con l'alcol e le droghe leggere. La cantante ha celebrato la giornata dedicata alla cannabis insiema ai suoi follower, pubblicando uno scatto di lei sorridente seduta su un'amaca, poco prima di fumare.

"Dancing with the Devil", Demi Lovato rivive l'overdose nel videoclip

Il nome 420 deriva dallo slang dei consumatori di marjiuna e il significato originario si riferisce all'orario in cui fumarla (le 4:20 pm), ma con il tempo 4/20 (20 aprile nel calendario americano) è diventato anche il giorno dedicato alla cannabis.

 

Ti potrebbe interessare:

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali