FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

David Gilmour, per tre giorni al cinema la magia del live a Pompei

Arriva nelle sale italiane dal 13 al 15 settembre "Live at Pompeii", ripresa degli straordinari concerti fatti dallʼex leader dei Pink Floyd nel luglio 2016

Per tre giorni si potrà rivivere al cinema la magia dei concerti che David Gilmour ha tenuto a Pompei nel luglio del 2016. Arriva infatti nelle sale italiane, dal 13 al 15 settembre, "Live at Pompeii". Un evento nell'evento, per rivivere il primo concerto svoltosi nell'anfiteatro romano davanti a un pubblico dopo quasi 2.000 anni, con brani che coprono tutta la carriera di Gilmour, dai classici dei Pink Floyd alle ultime opere soliste.

David Gilmour, la magia dei concerti a Pompei rivive al cinema

Il film-concerto "Live at Pompeii" arriva nelle sale dal 13 al 15 settembre

leggi tutto

Il film racchiude il meglio dei due concerti di un anno fa, ripresi con il massimo della tecnologia, in puro stile Pink Floyd. Girato in 4k, con una risoluzione spaventosa che doppia lo standard delle proiezioni digitali (si possono vedere distintamente i graffi sul battipenna della chitarra di Gilmour), allo spettacolo video il film aggiunge quello audio. Grazie al sistema Dolby Atmos, infatti, lo spettatore è avvolto nel suono da ogni direzione, grazie al posizionamento dinamico di 64 diffusori distribuiti su ogni lato della sala.

Insomma, se non sarà come essere a Pompei poco ci manca. Lo show vero e proprio è preceduto da un breve documentario sulle prove, con Gilmour che rievoca il concerto dei Pink Floyd di 45 anni prima. Una situazione del tutto diversa, realizzata senza pubblico, nell'arco di alcuni giorni e sotto un sole cocente. Condizioni, considerando anche le possibilità tecniche dell'epoca, quasi proibitive che non hanno impedito di realizzare un evento storico e unico.

Qui siamo su tutt'altro terreno. Quello di Gilmour è un film-concerto tradizionale con la fortuna di essere girato in una location unica, anche se il suo pizzico di storicità se lo guadagna essendo il primo a svolgersi a Pompei con un pubblico dall'epoca dei gladiatori.

Nel contesto dello show appare evidente l'assoluta coerenza nel percorso artistico di Gilmour, con i brani più recenti degli album da solista che si inseriscono perfettamente nel quadro dei classici dei Pink Floyd, tanto che un ascoltatore che vergine farebbe fatica a distinguere i primi dai secondi. Merito anche di una band robustissima, composta da musicisti tutti di estrazione diversa (Chester Kamen è stato a lungo chitarrista di Bryan Ferry ma e è anche andato in tour con Roger Waters, Greg Phillinganes ha suonato le tastiere per Michael Jackson mentre Chuck Leavell è un tastierista di matrice blues, dalla lunga esperienza con l'Allman Brothers Band) ma perfettamente amalgamata a supporto di un Gilmour a 71 anni ancora in grande spolvero: qualche lieve incertezza vocale, ma quando a parlare e la chitarra i momenti emozionanti sono da brivido.

La resa filmica è tale che sembra a tratti di essere davvero sul palco, e se proprio una pecca vogliamo trovarla è proprio nell'assoluta perfezione, che rende tutto fin troppo levigato, al punto che la presenza del pubblico a tratti sembra risolversii in urletti attaccati posticciamente in post produzione. Ma d'altro canto non stiamo parlando di punk rock ma di una musica che fa della cura del dettaglio una religione. Per chi dovesse perdersi il film al cinema c'è sempre la possibilità di rifarsi a casa. "Live at Pompeii" uscirà infatti in versione cd/dvd e blu ray (con anche delle canzoni in più rispetto alla versione da grande schermo), il 29 settembre.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE