FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bobby Brown chiede giustizia per la morte della figlia Bobbi Kristina e accusa il fidanzato di lei

Il cantante, ex di Whitney Houston, ha intentato una causa contro Nick Gordon e aspetta adesso la sentenza del giudice

Bobby Brown chiede giustizia per la morte della figlia Bobbi Kristina e accusa il fidanzato di lei

Bobby Brown non si arrende e torna a rilasciare dichiarazioni sulla morte della figlia Bobbi Kristina: "Non posso chiudere questo capitolo fino a che Nick Gordon (fidanzato della figlia, ndr) non sarà accusato penalmente della morte di mia figlia", ha detto il cantante di "My Prerogative" durante un'intervista al TD Jakes Show.

Bobbi Kristina, la figlia 22enne di Bobby Brown e Whitney Houston, fu trovata priva di sensi in una vasca da bagno, nella casa dove viveva con il fidanzato Nick Gordon, nel gennaio 2015 e dopo sei mesi di coma farmacologico morì in ospedale. A trovarla e a chiamare i soccorsi era stato proprio il fidanzato, primo e unico indiziato per la sua morte.

Per ora tuttavia non è ancora stata emessa nessuna condanna penale nei confronti di Gordon, ritenuto solo "legalmente responsabile". Bobby Brown intanto si dice in "attesa, ma più tranquillo", sapendo che la giustizia sta indagando proprio sul fidanzato di sua figlia, contro il quale il cantante ha intentato una causa per omissione di soccorso.

Nel corpo di Bobbi Kristina è stato trovato un cocktail tossico di sostanze stupefacenti, che, stando all'accusa, le avrebbe iniettato il fidanzato dopo averla picchiato durante un litigio. La sua morte sarebbe intervenuta proprio a causa dell'intossicazione da farmaci, che le avrebbe danneggiato il cervello e in seguito all'annegamento nella vasca.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali