FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Addio a Edwin Hawkins, divenne star reinventando il classico "Oh Happy Days"

Il cantante gospel è diventato famoso alla fine degli anni Sessanta per avere reso immortale il vecchio inno religioso

Addio a Edwin Hawkins, divenne star reinventando il classico "Oh Happy Days"

Si è spento Edwin Hawkins, musicista gospel, pianista, compositore. Aveva 74 anni e soffriva di cancro al pancreas. Era conosciuto soprattutto per il suo arrangiamento del 1969 di "Oh Happy Day", vecchio inno religioso risalente a un paio di secoli prima. La canzone, oltre ad essere inclusa nella lista delle "Songs of the Century", ha fatto vincere alla sua band, Edwin Hawkins Singers, il premio Grammy “Best soul gospel performance”.

Edwin Hawkins era nato a Oakland il 18 agosto del 1943. A sette anni era già il pianista del coro gospel di famiglia. Nel 1967 fondò insieme a Betty Watson il Northern Carolina State Youth Choir e nel 1968 registrò il suo primo album dal titolo "Let us go into the House of the Lord", un mix tra le sonorità gospel e quelle rhythm'n'blues. Nonostante la particolarità sonora, il disco, distribuito in 500 copie, non fu un successo.

Poi un dj radiofonico di San Francisco, catturato dalla melodia orecchiabile, cominciò a programmare con regolarità nelle sue trasmissioni il brano "Oh Happy Days" che divenne improvvisamente molto popolare, prima negli Usa e poi nel mondo. La canzone raggiunse il secondo posto della classifica britannica ed il quarto di quella statunitense. Nel corso degli anni è stata riproposta da molti artisti (da Aretha Franklin a Elvis Presley) e ha caratterizzato diversi film (ad esempio "Sister Act"), che hanno definitivamente consacrato Hawkins come mostro sacro della musica mondiale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali