FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Dal dibattito sull'allargamento dei confini Ue alla Conferenza sul futuro dell'Europa | Guarda l'undicesima puntata de "L'Europa che vorrei"

Ospiti dell'appuntamento, andato in onda venerdì 20 maggio, la presidente della sottocommissione Diritti Umani del Parlamento europeo, il giornalista turco Murat Cinar e la giornalista albanese Klementina Cenkollari

L'allargamento dei confini europei, un tema molto dibattuto che suscita pareri diversi tra gli stessi Stati membri, è tornato di attualità con l'invasione russa dell'Ucraina.

Allargamento che assume sempre di più le sembianze di una confederazione, in cui includere Balcani, Caucaso e i Paesi associati al nostro partenariato. Ne abbiamo parlato durante l'undicesima puntata de

"L'Europa che vorrei"

, il programma di

Tgcom24

realizzato in collaborazione con il

Parlamento europeo

. Tema dell'appuntamento, andato in onda venerdì 20 maggio, anche la

Conferenza sul futuro dell'Europa

. Ospiti la presidente della sottocommissione Diritti Umani del Parlamento europeo

Maria Arena

, il giornalista

Murat Cinar

e la giornalista della albanese MCN TV

Klementina Cenkollari

.

 


La Conferenza sul futuro dell'Europa -

Come in ogni appuntamento, durante la puntata si è parlato della

Conferenza sul futuro dell'Europa

, che il 9 maggio, a Strasburgo, ha concluso i suoi lavori. Nei discorsi dei tre presidenti - la presidente del Parlamento europeo

Roberta Metsola

, la presidente della Commissione europea

Ursula von der Leyen

e il presidente della Repubblica francese

Emmanuel Macron

per il Consiglio - che hanno partecipato alla cerimonia conclusiva, un filo rosso: la volontà di superare il voto all'unanimità anche nelle aree chiave permettendo così un possibile allargamento della sfera europea.


 


L'allargamento dei confini europei -

A proposito di allargamento, Arena ha detto: "Può essere un atto politico - e in questo caso rappresenta un messaggio importante alla popolazione dei Paesi coinvolti -, però non può essere fatto senza regole", spiega Maria Arena. 


 


Fin dai primi giorni della guerra, Zelensky ha portato avanti la richiesta di adesione accelerata di Kiev all'Ue. Un tema che vede molti Paesi favorevoli (tra cui l'Italia) e altri meno. Ma Kiev non è l'unica ad aver fatto una richiesta formale di adesione. Molti altri Stati si stanno mettendo in regola. È corretto dare una corsia privilegiata all'Ucraina? "Il processo non si può accelerare ed è difficile. Per esempio, l'Albania ha chiesto l'adesione nel 2009 e non è ancora totalmente pronta. All'Ucraina dobbiamo far capire che siamo pronti a riceverla, ma deve fare degli sforzi, dei compiti per diventare uno Stato membro", ribadisce Arena. 


 


La situazione dell'Albania -

Hanno presentato la domanda di adesione Albania, Serbia, Montenegro, la Macedonia del Nord e la Turchia. L'

Albania

 si sta impegnando per soddisfare i requisiti chiesti da Bruxelles, come dichiara Cenkollari: "Al nostro Paese viene chiesto più lavoro su giustizia, sicurezza, libertà ed elezioni. Ci stiamo lavorando".


 


Non c'è il rischio che ad allargarsi troppo si rischi di

sfilacciarsi

? "Sì - dice Arena -. Penso sia necessario cambiare le regole di funzionamento dell'Unione europea".


 


La Turchia -

La Turchia è il candidato che attende da più tempo. "È un Paese molto particolare - spiega Cinar -. Rappresenta anche paure, incertezze, insicurezze per l'Ue. L'adesione della Turchia riguarda anche i Paesi che sono fuori dall'Ue, per cui la sua adesione è diversa rispetto ad altri Paesi. La domande è: 'Se fosse stata inserita nell'Ue la Turchia di 25 anni fa oggi ci saremmo trovati con Erdogan?'". "È difficile dirlo. Sicuramente, la Turchia di adesso non rispetta gli standard europei. Ma questo non vuol dire che quella di domani non lo farà", conclude Arena.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali