FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Parlamento Ue, per un'intelligenza artificiale che prevenga le discriminazioni e protegga la diversità

I deputati hanno sottolineato l'urgenza di programmare l'IA all'insegna di un preciso e necessario quadro etico, affinché gli algoritmi proteggano la diversità culturale e linguistica dell'Ue

Istockphoto

Regolamentare e formare le tecnologie di intelligenza artificiale in modo da proteggere la non discriminazione, l'uguaglianza di genere, il pluralismo e la diversità culturale e linguistica: questi i punti chiave della risoluzione adottata dalla Commissione del Parlamento europeo per la cultura e l'istruzione con 25 voti a favore, nessuno contro e 4 astensioni. Il testo è atteso ora in plenaria per l'ok definitivo.

Intelligenza artificiale e rivoluzione digitale - Il futuro della tecnologia è ormai sempre più "presente". E l'intelligenza artificiale non si limita a rappresentare solo un aspetto importante della rivoluzione digitale che stiamo già vivendo, ma ne costituisce il fulcro e l'ossatura profonda. Come armonizzarla dunque con l'etica, il rispetto delle diversità e dei diritti individuali?

 

Ad affrontare la questione è la Commissione del Parlamento europeo per la cultura e l'istruzione, rimarcando come l'uso delle tecnologie di intelligenza artificiale nell'istruzione, nella cultura e nel settore audiovisivo potrebbero avere un impatto "sulla spina dorsale dei diritti e dei valori fondamentali della nostra società".

 

Le richieste del Parlamento Ue:

 

- delineare un quadro etico preciso per il modo in cui le tecnologie di intelligenza artificiale vengono utilizzate nei media dell’Ue, per garantire così alle persone l'accesso a contenuti culturalmente e linguisticamente diversi. Tale quadro dovrebbe anche affrontare l'uso improprio dell’intelligenza artificiale per diffondere notizie false e disinformazione.
 

- garantire che gli insegnanti possano sempre essere in grado di correggere le decisioni prese dall’intelligenza artificiale (come ad esempio la valutazione finale degli studenti); da qui la necessità di formare gli insegnanti che non dovranno dunque mai essere sostituiti dalle tecnologie di intelligenza artificiale, soprattutto nell’educazione della prima infanzia;
 

- sviluppare indicatori precisi per misurare la diversità, evitando dunque che le raccomandazioni sui contenuti basati su algoritmi (in special modo nei servizi di streaming di video e di musica) incidano negativamente sulle diversità culturali e linguistiche dell’Unione europea.

 

"Ci battiamo da decenni per stabilire i nostri valori di inclusione, non discriminazione, multilinguismo e diversità culturale, che i nostri cittadini considerano una parte essenziale dell'identità europea. Questi valori devono riflettersi anche nel mondo online, dove gli algoritmi e le applicazioni di intelligenza artificiale vengono utilizzati sempre di più. Lo sviluppo di sistemi di dati di qualità e inclusivi da utilizzare nell'apprendimento profondo è fondamentale, così come un quadro etico chiaro per garantire l'accesso a contenuti culturalmente e linguisticamente diversi", ha affermato la relatrice Sabine Verheyen (PPE, DE) dopo il voto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali