FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Parlamento europeo esorta l'Ue a ridurre i rifiuti marini

Il Pe ha chiesto un piano d'azione Ue per affrontare l'inquinamento di fiumi, coste e corsi d'acqua

Rifiuti negli oceani: i numeri

La chiave di volta per ripulire i mari e ridurre l’inquinamento? Aumentare il riciclaggio nel settore della pesca e ridurre in modo drastico l'uso della plastica. Questa la posizione del Parlamento Ue, questo lo spirito con cui i deputati europei hanno adottato (con 646 voti favorevoli, 3 contrari e 39 astensioni) una risoluzione non legislativa in cui sottolineano che i rifiuti marini, e soprattutto la micro e nano plastica, "costituiscono una grave minaccia per molte specie di fauna marina", così come per i pescatori e i consumatori e in cui dunque esortano l'Ue ad accelerare lo sviluppo di un’economia circolare nel settore delle pesca e dell’acquacoltura. Obiettivi chiave: eliminazione degli imballaggi in polistirolo espanso, miglioramento dei canali di riciclaggio e ricerca sui materiali sostenibili e su nuovi design per gli attrezzi da pesca.

I dati - I rifiuti della pesca e dell'acquacoltura rappresentano il 27% dei rifiuti marini. Un consumatore medio di molluschi del Mediterraneo ingerisce in media 11mila pezzi di plastica all'anno e, a causa dell'inquinamento marino, viene stimata una perdita di entrate nel settore della pesca tra l'1 e il 5%. 

Inoltre:

1%: è la percentuale di plastica nell'oceano che galleggia in superficie, il resto finisce nelle profondità marine;

150 milioni di tonnellate:  è la quantità di plastica attualmente presente negli oceani;

 

4,8 -12,7: si stima che siano i milioni di tonnellate che ogni anno finiscono negli oceani;

 

730 tonnellate: è la quantità di rifiuti riversata ogni giorno nel Mar Mediterraneo;

 

1,5%: è la percentuale degli attrezzi da pesca che vengono riciclati in Ue. Molti altri sono abbandonati, persi, o buttati in mare, dove "rimangono intatti per mesi o addirittura anni";

 

80%: la percentuale dei rifiuti marini che arriva via terra.
 

Problemi causati dai rifiuti di plastica nell'oceano:

- gli animali rimangono impigliati o ingeriscono la plastica;
 

- degradazione dell'habitat;
 

- esposizione alle sostanze chimiche della plastica;
 

- un costo stimato fra 259 milioni di euro e 695 milioni di euro, principalmente a discapito dei settori turistico e ittico;
 

- esposizione a sostanze chimiche attraverso la catena alimentare;
 

- in termini di emissioni di CO2, 1 milione di tonnellate di plastica equivale all'inquinamento prodotto da 1 milione di auto sulle strade.
 

Le proposte del Parlamento Ue - Vediamo allora nello specifico le proposte contenute nella risoluzione, volte a stimolare lo sviluppo di un’economia circolare anche in questo settore:

- aumentare la raccolta, il riciclaggio e l'upcycling nel settore della pesca e dell'acquacoltura i cui rifiuti rappresentano il 27% dei rifiuti marini;
 

- eliminare gradualmente il polistirolo espanso usato per i prodotti della pesca;
 

- migliorare i canali di raccolta e di riciclaggio dei rifiuti marini;
 

- sviluppare la ricerca sui materiali sostenibili e su nuovi design per gli attrezzi da pesca;
 

- affrontare il problema delle "reti fantasma" (attrezzi da pesca abbandonati o persi in mare e dunque causa di maggiore inquinamento della fauna marina) attraverso l'adozione delle linee guida volontarie dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura per la marcatura degli attrezzi da pesca;
 

- definizione di un piano d'azione Ue per ridurre sostanzialmente l'uso della plastica, affrontare l'inquinamento di fiumi, coste e corsi d'acqua e sviluppare una maggiore ricerca sull'impatto dei rifiuti marini e della micro e nano plastica sulle risorse ittiche.


"I rifiuti marini sono una questione trasversale che deve essere affrontata in modo olistico. La lotta contro i rifiuti marini non inizia in mare, ma deve coinvolgere una visione a monte che comprende l'intero ciclo di vita di un prodotto. Ogni rifiuto che finisce in mare è un prodotto uscito dal ciclo dell'economia circolare. Per combattere l'inquinamento marino, dobbiamo continuare a promuovere modelli di business virtuosi e integrare nuovi settori come la pesca e l'acquacoltura in questi sforzi globali. Non c'è pesca sostenibile senza un oceano sano", ha dichiarato la relatrice Catherine Chabaud (Renew).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali