FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Spazio, buco nero da record: divora l'equivalente di un Sole al giorno

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society dagli astrofisici dellʼUniversità nazionale australiana

Il grande mistero dello spazio, cosa sono i buchi neri

I buchi neri sono uno dei più grandi misteri dell'astrofisica. Sono un corpo celeste con un campo gravitazionale così intenso da non lasciare sfuggire né la materia, né la radiazione elettromagnetica (la luce, da qui la definizione di "nero"). Il buco nero è il risultato di implosioni di masse sufficientemente elevate. La gravità domina su qualsiasi altra forza, sicché si verifica un collasso gravitazionale che tende a concentrare lo spaziotempo in un punto: al centro della regione è teorizzato uno stato della materia di curvatura tendente ad infinito e volume tendente a zero chiamato singolarità, con caratteristiche sconosciute ed estranee alle leggi della meccanica. Per questo il buco nero non è osservabile direttamente. La sua presenza si rivela solo indirettamente mediante i suoi effetti sullo spazio circostante: interazioni gravitazionali con altri corpi celesti e loro emissioni, irradiazioni principalmente elettromagnetiche della materia catturata dal suo campo di forza. Fonte: Wikipedia

Si è rivelato più grande e vorace del previsto il buco nero da record individuato per la prima volta nel 2018. Le analisi approfondite hanno dimostrato che è 8mila volte più grande del buco nero che si trova al centro della Via Lattea, che la sua massa è 34 miliardi di volte quella della nostra stella e che è in grado di divorare l'equivalente di un Sole al giorno. Il suo identikit è descritto in uno studio dell'Università nazionale australiana.

Questo cannibale cosmico che, grazie alla sua smisurata attrazione gravitazionale, divora tutto ciò che gli capita a tiro, luce compresa, dimora al centro della galassia J2157, a miliardi di anni luce dal Sistema Solare, risalente a quando l'universo era ancora giovane.

 

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society dagli astrofisici dell'Università nazionale australiana, coordinati da Christopher Onken. Gli autori hanno calcolato che il raggio dell'orizzonte degli eventi di questo buco nero, quel limite invalicabile al di là del quale ogni cosa finisce tra le sue fauci, è intorno a 670 volte la distanza media tra la Terra e il Sole, pari a circa 150 miliardi di chilometri, cioè più di cinque volte le dimensioni del Sistema Solare.

 

"Si tratta di uno dei più grandi e più voraci buchi neri dell'universo e non sappiamo ancora come si èformato", ha spiegato Onken. Per avere un'idea, aggiungono gli astrofisici, è come se il buco nero al centro della nostra galassia divorasse due terzi delle sue stelle. "Siamo molto eccitati - ha concluso Onken - perché questo buco nero potrà aiutarci a imparare molto sulla galassia in cui si sta accrescendo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali