FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Scuola in piazza contro la riforma

Migliaia di insegnanti nella serata del 23 aprile si sono riuniti nelle piazze italiane per protestare contro la Buona Scuola.

- I professori si vestono a lutto. Il 23 aprile alle 20:30 in molte piazze italiane centinaia di docenti della scuola italiana si sono riuniti per una protesta silenziosa. Una organizzazione capillare fatta attraverso Facebook e WhatsApp che ha portato i professori del Paese a riunirsi in luoghi diversi ma per la stessa ragione: un’idea diversa di scuola. Lo riporta Skuola.net

    IL FLASH MOB DEI PROF – Tante piazze italiane nella serata del 23 aprile sono state lo scenario di una protesta sopra le righe. Centinaia di professori si sono vestiti di nero e hanno accesso dei lumini come forma di protesta verso la Buona Scuola. Con questa azione silenziosa hanno voluto celebrare metaforicamente la “morte della scuola”. I professori che hanno preso parte all’iniziativa credono infatti che il ddl sulla Buona Scuola è composto da una serie di provvedimenti negativi per il futuro della scuola. Tra le piazze in cui si è svolto il flash mob: piazza Plebiscito a Napoli; piazza Gae Aulenti a Milano; piazza Castello a Torino; piazza Ferrari a Genova; davanti al Palazzo della Signoria a Firenze; alla scalinata Alessi a Catania; presso la fontana del Nettuno a Bologna; piazza Margherita a Caserta; in piazza Grande a Modena ma anche a Viterbo davanti alla Prefettura; a Terracina, a Savona, Pescara, Molfetta, Lamezia Terme, Grosseto, Giarre in Sicilia, Cosenza, Andria, Aprilia e Albano.  

    LE PROTESTE: VERSO IL 5 MAGGIO – Il flash mob con i lumini è una delle tante iniziative dei professori in avvicinamento alla manifestazione del 5 maggio contro La Buona Scuola, che li vedrà in piazza insieme a sindacati e studenti.  

    Invia commento

    Ciao

    Esci Disclaimer

    I vostri messaggi

    Regole per i commenti

    I commenti in questa pagina vengono controllati
    Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

    In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
    - Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
    - Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
    - Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
    - Più in generale violino i diritti di terzi
    - Promuovano attività illegali
    - Promuovano prodotti o servizi commerciali

    X