FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lecce, ecco la scuola che insegna a creare startup

Eʼ uno degli istituti scelti per la sperimentazione del diploma in 4 anni: il Galilei Costa di Lecce punta sullʼinnovazione e sulla formazione degli studenti per realizzare le loro idee di impresa

Lecce, ecco la scuola che insegna a creare startup

Il Galilei Costa di Lecce è tra le 100 scuole in Italia autorizzate alla sperimentazione di un percorso di studi di 4 anni dal prossimo anno scolastico 2018/2019, con l’indirizzo SIA - Sistemi informativi aziendali. La scuola leccese ha da sempre puntato molto sull’innovazione e l'educazione all'imprenditorialità, tanto che fino ad oggi ha seguito gli studenti in progetti di successo, come l'iniziativa anti bullismo 'MaBasta' e diverse startup, tra le quali Island of Host, Smart Siti, Salento che Bellezza, IcsOne, Masterproof. Dal presente anno scolastico, poi, con “i-Startup”, ha dato ancora più forza all'attività di incentivazione, incubazione e accelerazione di startup giovanili tra gli studenti.

Diploma in 4 anni, un ulteriore passo verso l'innovazione
Secondo le parole della preside, la prof.ssa Addolorata Mazzotta - riportate dal sito Skuola.net - la sperimentazione del ciclo di studi in 4 anni "è parso il naturale sviluppo di quanto il nostro Istituto va perseguendo e realizzando ormai da tempo". Da anni anni infatti, l’Istituto si è specializzato in una didattica improntata all’imprenditorialità, accompagnando i propri studenti verso la creazione di vere e proprie startup. "Con la candidatura del progetto per un indirizzo “Tecnico Economico per l’Imprenditorialità”, ci è stata offerta un’opportunità unica, quella di poterci svincolare da alcune rigidità del sistema classico e di ripensare, da zero, un piano di studi (e di esperienze) totalmente mirato all’obiettivo" sostiene la prof.ssa Mazzotta. Tra gli altri vantaggi, spiega la preside, c'è inoltre quello di "poter offrire l’opportunità a ragazzi, i cui primi obiettivi sono concentrati sullo studio e l’impegno, di poter dare un’accelerata al proprio percorso scolastico ed arrivare con un anno di anticipo alla formazione successiva o di potersi avvicinare al mondo del lavoro un anno prima, alla pari della maggior parte dei propri coetanei europei."

Il progetto i-Startup
A partire dall’attuale anno scolastico 2017/18 e in stretta collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale di Lecce, è operativo presso le classi prime e seconde il progetto “i-Startup”, che offre a tutti gli studenti la possibilità di conoscere il mondo imprenditoriale e, soprattutto, di sviluppare le proprie idee di servizi e prodotti innovativi. "Uno degli obiettivi principali, (in un certo senso, anche una sfida), è quello di ideare e applicare una didattica più orientata allo “studente”, come individuo, anziché al “programma” da svolgere" - sostiene il dirigente scolastico. "L’idea di base - conclude - è quella di fornire agli alunni tutta una serie di stimoli e conoscenze, così da far affiorare in ognuno di loro una possibile consapevolezza su cosa attrae la loro attenzione e, appunto, stimola la loro voglia di crescita e di specializzazione. Una grande mano nello svolgimento di questa “mission” viene data dal digitale, un attrattivo radicato nei giovani."

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali