FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bullismo contro i prof: uno studente su 10 ha assistito a uno scontro

L’ultimo episodio, accaduto a Vimercate, suona un nuovo campanello d’allarme sul fenomeno. I dati di Skuola.net sulla violenza nelle classi ai danni degli insegnanti

Bullismo contro i prof: uno studente su 10 ha assistito a uno scontro

Nuovo anno scolastico, problemi di sempre. L’escalation di violenza nelle classi, nonostante il clamore mediatico suscitato dai fatti più recenti, non tende ad arrestarsi. Anzi, le cose sembrano peggiorare. Specialmente se di mezzo, nelle vesti di vittima, c’è un professore. E l’ultimo episodio avvenuto vicino Monza, a Vimercate, più che di uno scontro studente-docente, assume i contorni di un agguato. Confermando come il bullismo contro gli insegnanti sia un fenomeno tutt’altro che marginale. Lo dicono i numeri di Skuola.net: un alunno su 10 ha assistito a un atto aggressivo contro un prof.

A Vimercate il prof è quasi vittima di un agguato
Siamo nell’istituto superiore ‘Floriani’ di Vimercate. Sembra una giornata di scuola come tante. Invece, all’improvviso, succede l’impensabile. Le luci vengono spente, le tapparelle abbassate rapidamente, in pochi secondi nell’aula è buio pesto. A quel punto inizia il delirio: urla, schiamazzi, lancio di oggetti vari, persino di sedie. Una di queste colpisce a una spalla la 56enne prof d’italiano e storia. Perché il particolare che rende ancora più assurdo l’evento è questo: la docente era in classe, nessuna ora di ‘buco’. Ed è proprio mentre tentava di uscire dalla classe, alla fine della lezione, che tutto è cominciato. Senza che lei potesse riuscire a vedere i responsabili del gesto, perché era girata di spalle.

Una scuola "complicata"
“Non ci credo, questo è davvero troppo”, il primo commento dell’insegnante. Perché questa scuola di Vimercate non è nuova a fatti turbolenti, è uno di quegli ambienti cosiddetti ‘difficili’. Già nel 2013, qui, un altro docente venne colpito dal pugno di un alunno. Stavolta, però, si potrebbe trattare di un attacco di gruppo mirato nei confronti della professoressa. Ma non è escluso che sia stato solo un gioco, sin troppo pesante, tra adolescenti. È quello che stanno cercando di chiarire i carabinieri, dopo che la donna ha sporto denuncia (per lei anche qualche giorno di prognosi). Il preside, invece, dopo aver segnalato l’accaduto alla Procura per i minori, ha tentato di rintracciare gli aggressori. Ma, finora, l’identità del lanciatore di sedie non è ancora saltata fuori.

Quanta violenza nelle nostre classi
E se in forma così grave la violenza rivolta ai docenti è certamente da ridurre a episodi rari, il ‘faccia a faccia’ tra alunni e insegnanti è più diffuso di quanto si possa pensare. Secondo un’indagine di Skuola.net, effettuata su circa 7mila studenti, quasi un ragazzo su 10 ha assistito ad almeno uno scatto d’ira di un proprio compagno all’indirizzo del prof di turno. Per fortuna, nella maggior parte dei casi (55%) si è trattato solo di aggressioni verbali, condite da insulti e improperi. Ma, più di un terzo delle volte – il 36% - si è comunque passati alle vie di fatto, con attacchi fisici contro il docente. Tra l’altro gli insegnanti, per evitare conseguenze peggiori, nella metà dei casi (43%) preferisce subire senza reagire. Quanto basta per riaccendere i riflettori su un problema che rischia di sfuggire di mano.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali