FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Uomo paralizzato muove il braccio bionico con il pensiero (e un chip)

Lʼesperimento del California Institute of Technology registra i primi successi. Erik Sorto è riuscito a prendere una birra e a berla da solo

Uomo paralizzato muove il braccio bionico con il pensiero (e un chip)
Uomo paralizzato con braccio bionico 

Erik Soto aveva 21 anni quando è stato vittima di una sparatoria. Da quel momento, per una lesione alla spina dorsale, è immobilizzato dal collo in sotto. Dipendente dagli altri per i gesti più semplici, almeno fino a pochi giorni fa. Già, perché ora, a undici anni di distanza e grazie a uno studio del California Institute of Technology, riesce a controllare un braccio bionico sfruttando il pensiero. Così per bere un bicchiere d'acqua non deve più chiedere a nessuno.

Come mostra il video diffuso da Popular Mechanics, Erik riesce a controllare il braccio meccanico attraverso due minuscoli chip di silicio che ricevono i suoi impulsi cerebrali e li trasferiscono a un computer esterno. Decifrate tramite un algoritmo, le intenzioni di Erik vengono poi trasmesse all'arto bionico. Un progresso della tecnica che apre ulteriori, interessanti sviluppi futuri.

La diversità fondamentale dei suoi chip è data dalla loro collocazione: essi non sono posizionati, come di solito avviene, nella zona del cervello che controlla direttamente i movimenti, ma nella corteccia parietale posteriore. Questa regione ha un ruolo fondamentale nel pianificare i nostri gesti prima che essi vengano effettivamente compiuti. Per questo non è sbagliato dire che muova il braccio con il pensiero.

Secondo alcuni studiosi, l'esperimento potrebbe rappresentare il primo passo verso un vero e proprio uomo bionico: così saremmo in grado di controllare macchine esterne a noi, come i computer, sfruttando il solo cervello. Le barriere da superare, però, sono ancora tante. I chip, infatti, sono collegati direttamente all'esterno tramite dei fili, e questo moltiplica il rischio di infezioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali