FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Morbillo, ad aprile 385 casi: cinque volte più di un anno fa

Sono 1.920 le infezioni registrate dallʼinizio del 2017, di cui un terzo almeno con una complicanza

Morbillo, ad aprile 385 casi: cinque volte più di un anno fa

Sono dati allarmanti quelli sul morbillo che emergono dal nuovo bollettino settimanale curato dal Ministero della Salute e dall'Istituto superiore della sanità (ISS). Ad aprile 2017 i casi registrati in Italia sono stati 385, cinque volte quelli verificatisi nello stesso mese del 2016, quando se ne erano contati 76, per un totale 1.920 dall'inizio dell'anno. Di questi un terzo con almeno una complicanza.

Il 34% del totale ha avuto almeno una complicanza, come diarrea, polmonite, otite, epatite, insufficienza respiratoria, calo di piastrine, più raramente encefalite e convulsioni. Il 40% è stato ricoverato, mentre il 15% ha fatto ricorso al pronto soccorso. Dal 24 al 30 aprile 2017 sono stati 29 i contagi registrati.

Quasi tutte le Regioni hanno segnalato casi, ma il 92% proviene da Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Veneto e Sicilia. Sono invece 176 i casi registrati tra gli operatori sanitari.

L'età mediana dei casi è pari a 27 anni: la maggior parte dei casi (73%) è stata segnalata in persone di età maggiore o uguale a 15 anni. In 120 casi gli ammalati avevano meno di un anno di età.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali