FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il lato positivo dei social network: restare "connessi" migliora la salute mentale

Lo afferma una ricerca australiana, che però avverte: "Possono diventare pericolosi per chi ha la tendenza a paragonare se stesso agli altri"

Il lato positivo dei social network: restare "connessi" migliora la salute mentale

Usare regolarmente i social network contribuisce alla buona salute mentale. E' quanto emerge da uno studio condotto dalle Università di Melbourne e di Monash e pubblicato sul Journal of Mental Health. Gli scienziati australiani hanno preso in esame 70 ricerche sulla relazione tra il "restare connessi" e depressione, ansia e benessere. Nella maggior parte dei casi, le reti social si rivelano utili per ricevere un supporto esterno, soprattutto per chi incontra difficoltà nell'interazione faccia a faccia.

Una teoria che non vale per tutti - Secondo gli studiosi, i social media possono essere pericolosi e negativi anche per chi posta pensieri negativi o per chi ha sviluppato una "dipendenza da connessione". In tutti questi casi, i soggetti risultano infatti più esposti al rischio di depressione e ansia.

Arma a doppio taglio - "E' più facile che persone che soffrono di ansia diventino dei soggetti passivi dei social media - ha detto Peggy Kern, autrice dello studio dell'Università di Melbourne -, mentre gli individui con sintomi depressivi tenderanno invece ad esternare i propri pensieri negativi". I social "non solo offrono una finestra per esprimere pensieri ed emozioni che si decide di condividere con altri, ma possono anche aiutare o inficiare la propria salute mentale", ha aggiunto.

"Comprendere i legami tra questi strumenti e lo status psichico ci mette nella possibilità di fare scelte migliori su come utilizzare al meglio i social, così come promuoverne l'uso per una buona salute mentale", ha osservato Elizabeth Seabrook, della Monash University. Secondo i ricercatori, i social network in futuro potranno strumenti utili per individuare e addirittura prevedere la presenza di casi di depressione o ansia in chi ne fa uso. "Grazie a una continua ricerca, i social media potrebbero diventare un potente aiuto nell'identificazione precoce di rischi per la salute mentale", ha affermato Seabrook.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali