FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

Scoperto l'antiossidante più potente

Scudo efficace al 100% contro i raggi ultravioletti

- E' stato scoperto il più potente antiossidante, in grado di riparare i danni provocati dal sole sulla pelle con un'efficacia del 100%. Il composto chimico si chiama tirone ed è cinque volte più efficace del resveratrolo, a cui ha strappato la palma di più efficace agente contro l'ossidazione dei tessuti. Il ritrovato è stato identificato alla Newcastle University, i risultati della ricerca sono stati pubblicati su Faseb Journal.

Scoperto l'antiossidante più potente

Protezione totale - I mitocondri cutanei, fabbriche di energia che regolano morte o sopravvivenza cellulare e dettano la comparsa di rughe e solchi, soprattutto se bombardati di raggi solari, sono totalmente protetti grazie al tirone. Gli autori hanno dimostrato che il composto chimico complesso, li salvaguarda al 100%, mentre il più noto resveratrolo frena appena il 22% delle radiazioni ultraviolette.

Ha sbaragliato la concorrenza - Secondo i ricercatori, il nuovo composto supera di gran lunga anche l'azione protettiva della N-Acetilcisteina, un altro antiossidante molto usato nei laboratori di dermatologia e che blocca il 20% dello stress ossidativo e l'8% dei raggi di tipo UV-A. Il tirone batte inoltre la curcumina, altro composto naturale molto usato nelle creme antirughe la cui azione antiossidante si ferma al 16% e quella protettiva dai raggi ultravioletti di tipo A all'8%.

In futuro in creme e integratori - Gli scienziati inglesi precisano: "Il tirone è un composto chimico che in natura non c'è, ancora non si conosce la tossicità sull'uomo e gli studi sui ratti sono pochi, ma abbiamo scoperto che ha capacità protettive totali sui mitocondri. In pratica, impedisce che il sole provochi danni e può divenire in futuro un potente antiossidante per il ringiovanimento della pelle, da somministrare in creme antirughe o in integratori alimentari".

TAG:
Newcastle University
Faseb Journal