FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Ma che sei scemo? Il fumo fammale": la campagna del governo contro il tabagismo

Il ministero della Salute ha diffuso un video con lʼattore Nino Frassica. In arrivo il decreto: no sigarette in auto con minori a bordo e via i pacchetti da dieci

Soltanto in Italia il fumo provoca 83mila vittime l'anno, mentre nel mondo si stima uccida ben sei milioni di persone. Un dato allarmante che ha indotto il ministero della Salute a dare vita a una campagna contro il tabagismo dal titolo emblematico e volutamente sgrammaticato "Ma che sei scemo? Il fumo fammale", con tanto di spot video. Intanto scoppiano le polemiche sul decreto che sarà presentato al Cdm entro la fine del mese. Tra le misure più in vista: sigarette vietate in auto con minori a bordo, via i pacchetti da 10 e niente e-cig sotto i 18 anni.

"Ma che sei scemo? Il fumo fammale": la campagna del governo contro il tabagismo

Protagonista del video promozionale l'attore Nino Frassica che "riprende" in maniera simpatica due giovani, puntando sull'ironia piuttosto che su immagini forti come nel caso dei pacchetti e dei messaggi entrati nell'occhio del ciclone già un paio di mesi fa. Secondo gli ultimi dati del ministero della Salute, in Italia ci sono 10,3 milioni di fumatori con età superiore ai 14 anni, il 60% dei quali sono uomini.

In Europa le vittime del fumo sono ogni anno circa 700mila, equivalenti alla popolazione di una città come quella di Francoforte. Inoltre sono milioni i cittadini dell'Ue che soffrono di malattie correlate al fumo, tra cui cancro, malattie cardiovascolari e respiratorie. Preoccupanti anche i dati sul fumo passivo, che nel mondo è responsabile di 603mila morti premature (28% bambini, 26% uomini e 47% donne).

"Il fumo è il principale problema della salute a livello mondiale ed è un tema che necessita campagne continue di sensibilizzazione" ha dichiarato Beatrice Lorenzin. La campagna, ha osservato il ministro della Salute, "è un po' in contrasto con il messaggio che si sta dando negli altri Paesi Europei, nei quali si sta facendo una comunicazione più forte. Noi abbiamo voluto usare un metodo più ironico e delicato, ma non per questo meno efficace".

Le polemiche - Lo Stato vende le sigarette, ma poi stringe sul fumo. E' questo il nocciolo delle polemiche e delle critiche mosse dai cittadini nei confronti del governo italiano, che con il decreto legislativo del ministero della Salute recepisce la direttiva Ue sul tabacco. In attesa della sua applicazione, sono state già intraprese misure restrittive come il divieto di fumo nei plessi scolastici e loro pertinenze e negli ospedali.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali