FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Zaia leader davanti a Fedriga e Bonaccini: ecco la classifica dei presidenti di Regione più amati

Il sondaggio sugli amministratori locali più apprezzati premia il leghista veneto. Tra i sindaci il preferito è Luigi Brugnaro (Venezia)

zaia veneto vaccini
Ansa

E' Luca Zaia il presidente di Regione più amato.

Il presidente del Veneto, infatti, si conferma al primo posto del

"Governance Poll 2022"

, il sondaggio realizzato da "Noto Sondaggi" per "Il Sole 24 Ore" che misura il gradimento nei sondaggi degli amministratori locali. Al secondo posto, il presidente del Friuli Venezia-Giulia

Massimiliano Fedriga

scalza

Stefano Bonaccini

, che si deve così accontentare del gradino più basso del podio.

 


La conferma di Zaia -

In base al sondaggio effettuato, il 70% dei cittadini si è detto pronto a rivotare Zaia come presidente della Regione Veneto: si tratta di un dato leggermente inferiore rispetto a quello dell'anno precedente (quando il gradimento fu confermato dal 74% degli intervistati) ma comunque da record per il leghista, che si conferma il politico più apprezzato a livello locale. 


 



 


Fedriga e Bonaccini -

Massimiliano Fedriga ha avuto invece il 9% in più di consensi, arrivando al 68% finale: un dato grazie al quale è riuscito a piazzarsi al secondo posto tra gli amministratore più amati. Il bolognese Stefano Bonaccini, terzo, tiene comunque alta la bandiera del centro-sinistra e fa segnare un 65% che rappresenta un +5% nei gradimenti rispetto a un anno fa. Rispetto al giorno delle elezioni, comunque, proprio il presidente dell'Emilia-Romagna risulta quello che ha aumentato di più il suo consenso (+13,6%), seguito da Fedriga (+10,9%) e Musumeci (+10,2%). 


 


Toti, Fontana e gli altri in top ten -

Al quarto posto c'è il presidente della Liguria Giovanni Toti, con il 61% dei consensi. Al quinto posto il presidente della Calabria, Roberto Occhiuto, con il 58%. Stesso gradimento si riscontra per Vincenzo De Luca, presidente della Campania, in leggero calo rispetto al 59% dello scorso anno. Settimo posto per il presidente della Sicilia Nello Musumeci con il 50%, in leggera crescita rispetto al 2021. Piazzamento che Musumeci deve condividere con il lombardo Attilio Fontana. Nona piazza per il piemontese Alberto Cirio, mentre a chiudere la top ten c'è l'amministratore dell'Abruzzo Marco Marsilio.


 


Brugnaro il più apprezzato tra i sindaci -

La stessa classifica in base al gradimento dei cittadini è stata fatta anche per i sindaci. In questo caso il più amato è risultato essere Luigi Brugnaro, primo cittadino di Venezia, con il 65%. Brugnaro ha così superato Antonio De Caro (sindaco di Bari, che ha ottenuto il 62%) scivolato dal primo al terzo posto, con in mezzo la novità di Marco Fioravanti (Ascoli Piceno, 64%). Da notare che i 26 comuni in cui il sindaco è stato eletto nel mese di giugno 2022 non rientrano nella classifica.


 


Beppe Sala e Gaetano Manfredi -

Da segnalare, sempre nel gradimento relativo ai sindaci, il quarto posto di Giuseppe Sala (Milano), che arriva al 60%, e la quinta posizione di Gaetano Manfredi (Napoli), che totalizza il 59,5%, e che condivide la piazza in ex aequo con il sindaco di Bologna Matteo Lepore.
 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali