FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trieste, consigliere di estrema destra: "Gesù era ebreo? Mi sento offeso" | Dopo la gaffe lascia la politica

"Voglio arruolarmi nella Legione straniera e cambiare vita", ha dichiarato Fabio Tuiach. Le sue parole aveva scatenato unʼondata di polemiche e ironia sul web

"Liliana Segre ha detto che Gesù era ebreo: da cattolico mi sono sentito offeso". Dopo essere finito nel vortice delle polemiche e dell'ironia social per queste parole, il consigliere comunale di Trieste Fabio Tuiach, di estrema destra, ha deciso di lasciare la politica e l'Italia per trasferirsi in Francia. "Voglio arruolarmi nella Legione straniera e cambiare vita. Per adesso mi prendo un mese di pausa dal lavoro e dal Comune", ha dichiarato.

"Marciare ha degli effetti miracolosi sulla mente e io sono un uomo di sport. Sono sempre stato massacrato per la mia fede, anche i nostri santi partivano per le crociate con la benedizione del Papa", ha affermato ancora Tuiach.

 

"Io sono un guerriero - ha proseguito - e, quando le cose si mettono male, vado a marciare. Ora, se passo le selezioni, avrei la possibilità di diventare francese e avere una seconda opportunità nella mia vita a 39 anni. Non so quanto starò via, forse potrei non tornare più".

 

Eletto nelle fila della Lega, poi passato a Forza Nuova e oggi nel gruppo misto, Tuiach aveva pronunciato il suo "strano" discorso nel corso di una seduta d'aula del 18 novembre, durante la discussione della mozione per assegnare la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta alla Shoah.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali